Gabriele Strehle: "Volevo un combattente, non un modello"

Una coppia non così ineguale: l'autore Steven Uhly e Gabriele Strehle, il capo designer di Strenesse.

ChroniquesDuVasteMonde.com: Christiane Paul, Hannah Herzsprung, Jogi Löw - e ora Steven Uhly. Un autore di successo come modello per Strenesse è insolito. Come è nata questa collaborazione?

Gabriele Strehle: Doveva essere così! Raramente guardo la televisione, ma proprio nel giorno in cui Steven è stato ospite nel "Tagesthemen", ho visto la sua intervista e ho capito: questo si adatta.

ChroniquesDuVasteMonde.com: Christiane Paul, Hannah Herzsprung, Jogi Löw - e ora Steven Uhly. Un autore di successo come modello per Strenesse è insolito. Come è nata questa collaborazione?

Steven Uhly: al mio nuovo romanzo "Adams Fuge", inteso come una sorta di contro-tesi di Thilo Sarrazin: la storia di un tedesco-turco sulla ricerca dell'identità.

ChroniquesDuVasteMonde.com: come si inserisce in Strenesse?

Gabriele Strehle: Non volevo un modello per la nostra nuova campagna perché mi mancavano i combattimenti e gli indisciplinati. Con Steven ho subito sentito che è autentico e non vuole piacere, ma sta da solo e dalla sua storia. Ha fatto clic immediatamente - abbiamo organizzato il servizio fotografico nella stessa settimana.

ChroniquesDuVasteMonde.com: E come è andata?

Gabriele Strehle: Simile all'aspetto televisivo. Steven non ha fatto finta. Si è lasciato fare da modella ma al lavoro si è dato come è. UHLY: Non posso fingere (ride), anche se a volte mi sarebbe piaciuto.

Se non mi sento bene con i vestiti, non mi sento coinvolto come una persona

ChroniquesDuVasteMonde.com: quando, per esempio?

Steven Uhly: Se trovassi una donna davvero grande e mi presentassi a quale tipo di uomo sia. Poi ho cercato di essere proprio così. Cosa non ha mai funzionato ...

ChroniquesDuVasteMonde.com: Pensi che la moda come protezione o travestimento possa aiutare a svolgere un ruolo migliore?

Gabriele Strehle: io non la penso così Non importa quale conversazione stia avendo - se non mi sento bene in un capo di abbigliamento, non mi impegnerò adeguatamente come persona.

ChroniquesDuVasteMonde.com: l'abbigliamento può ancora aiutare a identificarsi?

Steven Uhly: è possibile venire al contenuto del modulo? Non sono nemmeno sicuro che sia nell'arte. Non so nemmeno se indossassi questa maglietta oggi perché ne avevo voglia o perché sto cercando di essere quella maglietta (ride).

ChroniquesDuVasteMonde.com: Strenesse non ha mai provato a fingere. La sua moda è conosciuta per il controllo. Come si può competere con designer rumorosi come Dior o Louis Vuitton?

Gabriele Strehle: Non voglio essere alla moda e creare capi che devi appendere la prossima stagione. Voglio essere moderno. Questa è una grande differenza.

ChroniquesDuVasteMonde.com: come si fa?

Gabriele Strehle: concentrandosi sull'essenziale. Un'arte che ho la fortuna di padroneggiare perché ho imparato il mestiere. Quindi so esattamente dove deve essere un pulsante per raggiungere quell'obiettivo.

ChroniquesDuVasteMonde.com: due volte all'anno, ogni cambio di stagione, il mondo viene riempito di nuove tendenze. Come ti piace?

Gabriele Strehle: una tendenza è sinonimo di movimento. All'inizio non è male. Tutto quello che devo fare è decidere cosa prendere e cosa no. Tuttavia, le modifiche più rapide e veloci ti danno anche il tempo di riacquistare la tua identità. Questa è una possibilità.

Sono un maniaco della qualità

ChroniquesDuVasteMonde.com: E cosa potrebbe essere?

Gabriele Strehle: Ci sono sempre gruppi che usano la controtendenza, cioè la lentezza, per sviluppare se stessi. Io stesso sono un maniaco della qualità. Proprio come Steven. Ha avuto il coraggio di lavorare con un editore che pone l'accento sul contenuto come sulla confezione. La copertina del suo romanzo è molto speciale, è facile da capire. Mentre c'è un mercato di massa, Steven non si è adattato.

ChroniquesDuVasteMonde.com: per questo, l'aspetto della moda si sta adattando in tutto il mondo, creando un codice di abbigliamento globale ...

Gabriele Strehle: era lo stesso di 30 anni fa, ma a un livello diverso.

Steven Uhly: ci siamo abituati con aziende di moda globali come H & M e Zara. Tuttavia, ci sono differenze. Una volta ho vissuto in Brasile, dove le persone sono estremamente alla moda. C'è solo un "Do" e un "Do not". È diverso in Europa. Qui, molte culture si specchiano e si criticano negli spazi più piccoli.Questa diversità è un ottimo modo per riflettere - anche per scoprire che ci sono sfumature nella moda.

ChroniquesDuVasteMonde.com: La moda lavora a livello internazionale, ma i timori delle persone di culture straniere sembrano rimanere. Puoi fare qualcosa a riguardo come autore?

Steven Uhly: non scrivo per motivi terapeutici, ma perché qualcosa mi commuove. Grazie alla mia biografia, sono metà bengalese con il patrigno spagnolo - il mio argomento questa volta è la migrazione, una che sarà con noi per molto tempo a venire. Se le persone si lasciano toccare e talvolta pensano in modo diverso alla diversità della società e dell'individuo, ho già fatto qualcosa contro questa paura.

ChroniquesDuVasteMonde.com: E tu come designer, signora Strehle?

Gabriele Strehle: Le altre culture non ci tolgono nulla. Al contrario: ci si arricchisce. Amo il Giappone. La tensione tra tradizione e modernità è molto eccitante e stimolante. Eppure rimango tedesco. Ma più conosco le altre culture, più mi incuriosisce.

Gabriele Strehle

Gabriele Strehle è nato a Memmingen, in Baviera. Dopo un apprendistato di sarto, ha studiato alla scuola di moda di Monaco. All'età di 22 anni, ha iniziato come designer presso la società di cappotti Strehle a Nördlingen. Lì incontrò il suo futuro marito, Gerd Strehle. Nel 1976 è diventata chief designer dell'etichetta Strenesse, che ha sviluppato insieme a lui. Da allora, sono successe molte cose: Strehle ha disegnato le divise della Lufthansa, ha equipaggiato la squadra nazionale tedesca dal 2006 e veste le stelle da Christiane Paul a Jonas Kaufmann. Vive a Monaco e sul Tegernsee. Sua figlia attualmente studia a New York.

Steven Uhly

Steven Uhly è nato nel 1964 a Colonia. Dopo la laurea, si è formato come traduttore a Valencia, poi ha studiato lingue e letteratura spagnola e portoghese, tedesco e letteratura a Colonia, Bonn e Lisbona. Dopo aver conseguito il dottorato, Uhly ha diretto per due anni l'Istituto tedesco dell'Università federale di Belém, in Brasile. Tornato in Germania, ha lavorato come docente presso la Ludwig-Maximilians-Universität prima di fondare la Münchner Frühling-Verlag con sua moglie. Nel 2010 è stato pubblicato il suo romanzo d'esordio "Mein Leben in Aspik". Uhly ha quattro figli e vive con la sua famiglia a Monaco.

... e il libro

Il turco Adem Öztürk cerca di trovarsi nelle circostanze più difficili. Perché lavora sotto copertura per il governo turco, è costantemente costretto a cambiare la sua identità. Da una parte, Adem deve fingere di non essere chi è. D'altra parte, non sa nemmeno chi sia. Questo lo confonde così tanto che viene coinvolto in un vortice di eventi e intuizioni. Racconti emozionanti, intelligenti e commoventi. ("Adams Fuge", Secession Verlag für Literatur, 232 pagine, 21,95 euro)

Gabriele Strehle, Strenesse, zu Ärger im Paradies (Dicembre 2019).


Gabriele Strehle, Strenesse, Moda, Modella, Christiane Paul, Hannah Herzsprung, Joachim Loew, marchio tradizionale, temi quotidiani, Hennes & Mauritz, Gabriele Strehle, Strenesse, Intervista