Infanzia? Sbagliato! Tanta responsabilità spetta alle ragazze di tutto il mondo

Asha dall'India detto

© Plan International

Mi chiamo Asha e ho 13 anni. Il villaggio in cui vivo si chiama Vilaselli e si trova in Rajastan. Un'ora di cammino è davanti a noi quando andiamo a scuola. Si trova in un villaggio remoto. Qui ho imparato a leggere e scrivere.

Mi hanno permesso solo due anni di scuola elementare, perché le ragazze non vanno a scuola finché i ragazzi, Nel frattempo, devo occuparmi di tutte le faccende domestiche, mentre i miei fratelli Valpandi e Ramaradj si recano in classe insieme.



Djenebou del Mali racconta

© Plan International

Mi chiamo Djenebou, ho 13 anni e vivo nel villaggio di Sanokoroba in Mali. A causa di tutto il lavoro non posso andare a scuola. Mio fratello Harouna, di dieci anni, ha più tempo per farlo, perché i ragazzi devono solo aiutare nei campi, ma non nelle faccende domestiche. Inoltre, i miei genitori pensano che la scuola non valga la pena per me perché dopo il mio matrimonio devo comunque lavorare nella famiglia di mio marito.

I miei fratelli continueranno a vivere con i nostri genitori dopo il loro matrimonio. In seguito guadagneranno denaro mentre le loro mogli e figlie gestiscono la famiglia. I miei genitori sperano che possano essere meglio curati dai loro figli una volta che saranno anziani. Perché chi è più istruito, guadagna più soldi?

Yoselin dall'Ecuador racconta

© Plan International

Ho 14 anni. Il mio villaggio si chiama Santa Cruz e si trova nelle Ande. Qui vivo con la mia famiglia. Nel fine settimana vendiamo i nostri tessuti sul mercato. Ecco perché viaggio spesso con mia sorella maggiore Blanca o in autobus per la città. Quindi, quando un ragazzo si siede accanto a me sull'autobus e mi molesta, è molto più difficile respingerlo rispetto a quando mio padre mi accompagna. Quando è in giro, nessuno osa disturbare me e mia sorella.

Mio padre dice che siamo più piccoli e più deboli dei ragazzi della nostra età, ma quando noi ragazze ci riuniamo non siamo totalmente indifesi. Ecco perché provo sempre a sedermi accanto ad altre ragazze o donne.



La mostra "Perché siamo ragazze ..."

Andare a scuola, vedere un medico, mangiare abbastanza? Molte ragazze in Africa, Asia e America Latina possono solo sognarlo, anche se la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia richiede pari diritti. Tuttavia, a causa degli svantaggi che i bambini devono affrontare in tutto il mondo, le ragazze sono più colpite in molti paesi rispetto ai ragazzi.

Asha, Djenebou e Yoselin sono un esempio di quanto siano difficili le vite di molte ragazze in tutto il mondo. Per attirare l'attenzione sul loro destino, l'organizzazione "Plan International" ha la mostra interattiva?Perché siamo ragazze ...? lanciato. Qui, bambini e adulti possono provare come appare la vita quotidiana in regioni lontane o addirittura interpretare il ruolo delle ragazze? come pascolare, andare a prendere l'acqua o guidare un autobus.

informazioni

Museo cittadino Norderstedt

Friedrichsgaber Weg 290

22846 Norderstedt vicino ad Amburgo

Orari di apertura: da mercoledì a sabato 15-18 orologio / domenica 11-18 orologio e su appuntamento

Chiuso nei giorni festivi e dal 24.12.2016-01.01.2017

La mostra sarà esposta fino al 26/02/2017 a Norderstedt

Basically I'm Gay (Settembre 2022).



India, Mali, ONU, Diritti dei bambini