Tutti vogliono Anna

Anna Engelhardt * non ama molto le vacanze. Preferisce andare a scuola, anche perché è difficile decidere dove e con chi passare i giorni liberi. Per settimane la madre di Anna, Eva, cerca di trovare una soluzione. L'ex marito di Eva vuole portare sua figlia dai suoi genitori. I genitori di Eva vorrebbero avere Anna con lei. Ed Eva stessa vorrebbe scappare con Anna. Guidare da qualche parte dove nessuno tira il bambino di sette anni e la inonda di amore. Dove nessuno interferisce nella loro educazione, anche se il consiglio è così ben pensato.

Eva Engelhardt ama la sua famiglia e desidera che Anna abbia una relazione positiva con le sue nonne e nonne, come ha fatto con i suoi nonni. Ma i compleanni di feste, Natale, Pasqua e Annas significano "per la madre di 38 anni" da sette anni stress senza fine ". Non perché sarebbe difficile conciliare gli appuntamenti del suo ex-marito, dei nonni, dei suoi e soprattutto di quelli di Anna. Anche quello. Il problema principale, tuttavia, è la lite su sua figlia. Tutti vogliono stare con loro, perché Anna è l'unica figlia della sua famiglia.

Il bambino singolo tiene unita la famiglia

Tutti vogliono Anna

Questo è simile in molte famiglie tedesche. I bambini scarseggiano. Nel 2006, il 61,3% della popolazione viveva in famiglie senza figli minorenni. Dieci anni prima, la quota era del 57,3%. Il calo del tasso di natalità l'ha resa una merce preziosa. Prendersi cura del proprio futuro, vedere che ciò che seminano vive al di là della propria esistenza non contiene solo una società, ma anche una famiglia, per la quale sono coinvolti zie, zii, nonni e padrini.

Quando Eva Engelhardt e sua sorella Katja erano bambini, c'erano molti coetanei nei parenti dei loro nonni con cui giocare. Quando Anna visita i suoi nonni, è circondata esclusivamente da adulti - a parte andare al parco giochi. Molti bambini single hanno almeno cugini, come l'amica di Anna, Sophie. Ma non Anna, e ultimamente sta chiedendo sempre di più perché è così. Alle riunioni di famiglia, si annoia rapidamente, diventa lunatica quando non esce con i suoi coetanei per qualche giorno. Anche se gli adulti giocano con lei, "ma quello di cui ha bisogno al momento, non puoi darle un adulto", crede sua madre. Altri bambini in famiglia, Eva e la sua sorella senza figli Katja sono convinti, porterebbero ad una relazione più rilassata.

I motivi per cui le donne hanno solo un figlio o nessuno sono diverse. Tuttavia, nella maggior parte delle famiglie povere di bambini c'è almeno una persona che manca ai bambini. Ce ne sono cinque agli Engelhardts: zia Katja ad Amburgo e i nonni di Anna, che vivono ampiamente distribuiti in Germania. Quando Anna le visita, fioriscono. Con la risata di sua nipote, la spontaneità, la vitalità e la fiducia nel futuro entrano nella sua vita. Vorrebbero avere di più. Anna. Sempre Anna. Che le piaccia o no, è sempre al centro dell'attenzione. E goditi la cura di molti adulti. Ma è anche osservata più severa di molti bambini con fratelli. Non può nemmeno fare un po 'di malizia senza essere notata. La sorella maggiore di Eva, Katja, scopre che "Anna spesso non può davvero essere una bambina". La quarantanovenne libera professionista ha perso la speranza per i propri figli, ma ha una relazione stretta con sua nipote. "Se io e Anna non passiamo un pomeriggio insieme almeno una volta alla settimana, ci manca qualcosa."

Eva è contenta che Anna abbia un'altra badante con Katja, che partecipa al suo sviluppo e insegna le sue cose in cui lei stessa ha poco interesse: Crochet per esempio. Katja raccoglie anche Anna dal vivaio quando Eva deve lavorare più a lungo. Tuttavia, Eva spesso sente anche che deve difendersi dai tentativi di educazione o di indulgenza della sorella. "Katja pensa che i bambini non dovrebbero guardare la TV", dice Eva. "Ogni volta che viene da noi e Anna sta guardando uno spettacolo per bambini, mi sento male." D'altra parte, sua sorella dimostra "una pazienza angelica, se Anna fa rapidamente un headstand prima di andare a letto e si muore in bagno", dice Eva. Le risposte contraddittorie di Anna non forniscono necessariamente chiarezza. Nonostante i frequenti contatti con la nipote, Anna Katja non può sostituire il proprio figlio. "Certo, ho solo una parte della vita di Anna", rimpiange Katja. "Questo mi rende costantemente preoccupato per lei." Lei stessa sapeva quanto fosse ridicolo quando bombardava sua sorella con informazioni da Internet sulla varicella, dopo che le aveva detto che Anna ne soffriva. "Ma anche allora - e qualche volta anche di notte - riesco a pensare a mille ragioni per le quali non è riuscita a fare bene".

Tutti stanno tirando l'unico figlio

Anna.Sempre Anna. Katja si prende cura di lei e si prende cura di lei giorno e notte. Ma anche i nonni si aggrappano. Vorrebbero vedere il suo unico nipote più spesso. Quando Anna è con loro, spesso cercano di ritardare la partenza. Si verificano anche gelosie come "lei non è stata con noi per molto tempo". Tutti stanno tirando Anna.

Tali dinamiche hanno un impatto negativo su tutti i partecipanti. "Quando il bambino si rende conto che gli adulti richiedono amore, attenzione e tempo da lui, diventa prudente", afferma la psicologa Rainer Künstler. "Costruisce una parete di vetro e dice ai genitori e ai nonni meno sui propri bisogni, e ad un certo punto potrebbero non essere in grado di avvicinarsi al bambino".

Questo non è il caso della situazione di Anna. Anche se i loro nonni hanno i loro interessi. Ma mostrano anche alla nipote quanto amano Anna - per il suo bene, perché è così com'è. Ma Anna preferirebbe venire a visitarli se ci fossero più bambini nel suo quartiere.

Questo lascia solo l'opportunità di prendere altri bambini. L'amica di Anna, Sophie, per esempio. "Per Anna, sarebbe bello trascorrere una settimana con Sophie con i miei genitori", dice Eva. "Allora potremmo finalmente fare tutto ciò che le vacanze sono per: relax."

* Nomi modificati dall'editor

ANNA HA I PET PIÙ BELLI DI TUTTI I MIEI AMICI SU ROBLOX!!! (Novembre 2019).


La madre di Anna, Anna, Natale, fratelli, famiglia