Disturbi dell'alimentazione: Beautiful Slim World?

Fisicamente e psicologicamente alla fine, emaciato, disperato e solo: questa era la condizione della ventinovenne Daniela Kühne, quando era nel maggio 2001 per la sua campagna "Beautiful slim world?" ha fatto delle foto Aveva passato più della metà della sua vita a controllare il suo peso: diventava anoressica all'età di undici anni, aveva mangiato con l'abbuffata a 17 anni e diventava bulimica a 19 anni. Dieci anni dopo, la scala mostrava solo 35 chili. È giunto il momento di tornare indietro.

Muto piangere per aiuto

Un corpo affamato in una società traboccante è un paradosso che non può essere attribuito unicamente alla spietata dittatura degli ideali di bellezza. Le cause dei disordini alimentari sono molteplici, ma sono sempre l'espressione di conflitti psicologici che si conducono autodistruttivamente sul proprio corpo. Maja Langsdorff, autrice del libro "La segreta dipendenza da mangiare pauroso", descrive la malattia psicosomatica come il grido silenzioso di aiuto per coloro che "non vogliono attirare l'attenzione, devono affrontare conflitti timidi e farsi dipendenti dall'opinione degli altri". Secondo le stime dell'Istituto tedesco di medicina e dietologia nutrizionale (DIET), 600.000 persone nella sola Germania sono affette da anoressia o bulimia.

Totale autocontrollo

La malattia di Daniela Kühnes non è insolita. Per anni pratica sport eccessivi, soffre di anoressia, binge eating e bulimia. "Ho mangiato controllato, vivevo controllato, sport e cibo, questo è stato il contenuto della mia vita", descrive la sua giovinezza a Stoccarda. Anche a 11 anni si allena pattinaggio artistico tutti i giorni. Quando a un dottore viene diagnosticata una sottopeso, i suoi genitori le fanno guadagnare tre chili. La ragazza inizia a disgustarsi di fronte al suo corpo e fa la sua prima dieta in modo provocatorio. Riuscito, perché i tre chili sono giù di nuovo dopo dieci giorni. Ma è l'inizio di un circolo vizioso: "Il tema della dieta ha cominciato a dominare la mia vita, era accanto alla figura che pattinava il mio secondo mondo, il contenuto della mia vita". Kalorienabellen invece di mangiare il gelato, autocontrollo invece di esuberanza.

Obiettivo della vita: perdere peso

Quando i genitori scoprono, ricattano la figlia: non più allenamento senza terapia. Ma lo psicologo non può aiutare. Gli abbuffati sostituiscono le cure della fame. Il tennis sostituisce il pattinaggio artistico. Invano il sedicenne cerca di mantenere il peso sotto controllo attraverso uno sport eccessivo. Quindi, poco prima della laurea, trova la "soluzione": la bulimia. Il disegno di legge sembra funzionare, perché ovunque riceve il riconoscimento per il "corpo-sogno" che lei stessa conquista ". Il prezzo è una vita di isolamento e depressione, senza amici, relazioni, vicinanza.

Supermercato e toilette

All'età di 25 anni segue una terapia comportamentale, poi una psicoanalisi di un anno e mezzo, che la fa inclinare a 40 chili. Ma alla fine impara a fare a modo suo. Contro la volontà dei suoi genitori, rafforza la sua aspirazione professionale e diventa copywriter. Tuttavia, "Come un diabetico che deve farsi l'iniezione tre volte al giorno, ho dovuto vomitare dopo il pasto, pasto dopo pasto, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, anno dopo anno, la mia vita si svolgeva tra una scrivania, un supermercato e un water ".

Fatti nudi

Ad un certo punto si rende conto che il suo ambiente non la prende più sul serio. Questa dolorosa realizzazione spinge il ventinovenne a confrontarsi con se stessa e il pubblico con i "nudi fatti" della sua malattia. La sua campagna "Beautiful Slim World?", Per la quale è stata fotografata dal fotografo Chon Choi, ora la aiuta a normalizzare la sua vita il più possibile sotto la supervisione medica e psicoterapeutica. Sta arrivando, ha guadagnato poco meno di 15 chili. Ma non ci sono terapie standard per le persone con disturbi alimentari. Per Daniela Kühne, è la "campagna della sua vita" creativa che le dà forza sulla lunga strada verso la ripresa.

Aiuto su Internet

Il primo e più difficile passo è - come con altre dipendenze - ammettere che sei malato e hai bisogno di aiuto. Varie organizzazioni non profit (vedi sotto) forniscono informazioni sui disturbi alimentari e le loro opzioni di trattamento. Vengono offerti gruppi di auto-aiuto, terapie individuali e di gruppo, soggiorni in cliniche psicosomatiche e comunità di vita terapeutiche.

indirizzi Internet Informazioni e indirizzi di comunità viventi assistite terapeuticamente. Con test: Sono disturbato?: Www.anad.de Sito Internet per persone con problemi alimentari e alimentari: www.essprobleme.de Sito per le persone colpite e parenti.Suggerimenti, aiuto e informazioni sulla malattia: www.magersucht.de L'associazione "Hungry Online e.V." gestisce siti web informativi sull'anoressia e la bulimia: www.hungrig-online.de Nel nostro forum "Essen - Genuss oder Frust?" Scambio di parti interessate: al forum

I became Anorexic for Instagram (Ottobre 2019).


Bulimia, anoressia, disturbi alimentari, grassetto, Germania, disturbi alimentari, bulimia, anoressia, anoressia, anoressia nervosa, dipendenza da essenza di Brecht, alimentazione da ubriachezza, alimentazione da abbuffate, alimentazione da abbuffate, psicologia, disturbi alimentari, terapie, terapia