Quale è meglio? Lavorare di meno o di più?

© Altmann / Corbis

Estate 2001 - mio figlio aveva tre anni, mia figlia a malapena un anno - dissi nel parco giochi che nostro figlio veniva dalla bambina tre giorni alla settimana con nove mesi, nostra figlia con un anno e mezzo. "È così piccolo che le hai dato via, non l'avrei mai avuto!" Disse una delle madri. Ho risposto acutamente. E mi sentivo estremamente moderno ed emancipato.

Nel 2007, avrei dovuto discutere pubblicamente dei ruoli di genere con un altro giornalista. Lavoravamo entrambi gratuitamente - lei più di me perché viveva separata e doveva guadagnarsi da vivere da sola e per suo figlio, mentre io ero abbastanza fortunato da avere un partner con un salario fisso. A parte questo, ho condiviso i suoi punti di vista: la famiglia e la famiglia non sono solo problemi delle donne, l'autorealizzazione professionale e guadagnare denaro non dovrebbero essere un privilegio degli uomini. L'altro era ancora insoddisfatto di me: "Beh, lavori, ma solo così tanto che non diventa troppo stressante, prendi solo il meglio di entrambi i mondi!" Perché no? "Ho chiesto. Ho preferito, non svantaggiato.

Nel settembre 2013 è apparso il sequel del grande studio ChroniquesDuVasteMonde "Frauen auf der Sprung", nonché un'intervista con il direttore dello studio Jutta Allmendinger. In esso, la professoressa di sociologia ha lamentato la situazione delle giovani donne che "si accovacciano con la prole per un lavoro di mezza giornata, tutte molto flessibili, ma in realtà sono risolte". La capacità di ridurre l'orario di lavoro si traduce in una donna media "che ora lavora part-time e deve dire addio ai suoi piani di carriera, anche se sarà in grado di mostrare una storia occupazionale ragionevolmente vicina ma, nella migliore delle ipotesi, rimanere in una buona posizione intermedia" , Quindici anni dopo la nascita del mio primo figlio, non mi sento come un fallimento, ma non come un modello che si adatta al futuro.



Non l'ho mai pianificato

Per essere un modello, ovviamente non è più sufficiente avere una situazione lavorativa stabile e un contabile fiscale che lavora come madre con un lavoro part-time freelance: avrei dovuto impedire a mio marito di fare più lavoro familiare, prestare meno attenzione ai bambini, lavorare di più, assumere una posizione di leadership e anche pianificare la mia carriera di proposito. Ma non l'ho quasi mai pianificato. Il più delle volte ho risposto nel modo che mi sembrava più appropriato e pragmatico nella situazione attuale, in altre parole: ho scelto il miglior compromesso possibile tra il mio e le esigenze della famiglia.

La mia carriera non programmata è iniziata con il fatto che sono rimasta incinta subito dopo la mia formazione come montatrice e giornalista: a 27 anni avevo un bambino, nessun lavoro e nessuna esperienza lavorativa. Mio marito, cinque anni più grande di me, aveva già una posizione permanente. Confesso, di fronte a questa costellazione, non abbiamo preso in considerazione alcuna soluzione diversa da questa: ha continuato a lavorare, sono rimasto a casa.



Dopotutto, mi era chiaro che presto la mia educazione non sarebbe più valsa la pena se, come al solito, mi sarei preso cura del bambino solo per tre anni. Inoltre, ho realizzato rapidamente che essere una madre non era abbastanza per riempirmi - e che ho trovato così umiliante e spaventoso essere finanziariamente dipendente da mio marito: nostro figlio è venuto dalla educatrice. Ho iniziato a lavorare liberamente. All'inizio fu lento, poi meglio, alla fine. Nel 2000 è nata nostra figlia. A 30 anni ero una madre autonoma, part-time di due figli. Lo sono oggi. Negli ultimi 15 anni ho lavorato di più (quasi tutto il giorno), a volte meno (quasi per niente). Ho rifiutato posizioni solide a tempo pieno, che mi sono state offerte dai miei clienti.

Dal punto di vista della carriera, è stato sicuramente un errore: mio marito ora ha una posizione di comando. Io, che lavoro al di fuori di qualsiasi gerarchia aziendale, ho dimostrato risultati professionali. Tuttavia, ho rinunciato a un'ascesa nel senso di "sempre più responsabilità, sempre più libertà creativa, sempre più soldi", in genere una donna. Perché? Perché non ho l'immaginazione di immaginare come dovrebbe essere possibile una vita familiare a metà rilassata se entrambi i genitori sono nel corsetto di un lavoro a tempo pieno.



Mi piace stare con i miei figli

Anche se lavoro flessibile, anche se mio marito lava i vestiti, cucina, impara con i bambini o li porta dal medico, anche se nostro figlio e nostra figlia sono già molto indipendenti, ci sono sempre delle fasi, in che noi genitori non riusciamo a gestire, oltre al lavoro, i compiti prevedibili e i problemi imprevisti che la vita comporta con i bambini più grandi.Queste sono le fasi in cui viene servita la pizza congelata ogni seconda notte, quando un bambino malato significa un disastro organizzativo o una coscienza molto colpevole perché deve rimanere a casa tutto il giorno da solo, dove io e mio marito abitiamo principalmente comunicare tra loro sotto forma di elenchi di cose da fare e vediamo così pochi dei nostri amici che non siamo sicuri se ne abbiamo ancora. Conosco genitori single che vivono costantemente in questo modo. Non potrei mai superare me stesso per affrontare volontariamente una vita simile nel galoppo perpetuo.

Inoltre, anche se questa frase suona quasi all'indietro in questi giorni - almeno quando una donna la pronuncia: mi piace stare con i miei figli, soprattutto perché sono più grandi. Mi rendo conto che presto non si preoccuperanno di parlare con i genitori, di cucinare o di andare al cinema. Ma fintanto che i due ne avranno voglia, voglio essere in grado di prendermi il loro tempo - non solo per cambiare - per così tanto tempo. Per inciso, mio ​​marito mi invidia questa libertà, poiché lo invidio di tanto in tanto per la sua carriera.

I datori di lavoro devono rendersi conto che una famiglia costa tempo

Ho sempre voluto lavorare per la gioia e l'indipendenza. Cosa non volevo: una famiglia in cui entrambi i genitori fanno carriera tutto il giorno. Non credo che debba essere necessariamente la madre a intraprendere una carriera più breve. Credo fermamente che anche gli uomini possano crescere bambini, fin dall'inizio. Se mio marito non avesse iniziato a lavorare molto prima di me, non sarei rimasta incinta e senza lavoro senza un lavoro se queste circostanze non mi avessero portato a tempo parziale, forse tutto sarebbe andato diversamente. Se "completamente diverso" significa automaticamente "molto meglio", non lo so. Quello che so per certo: che la mia vita - come qualsiasi altra - è anche composta da compromessi e che mi piace ancora moltissimo. Anche se finora non ho ottenuto il massimo successo professionale.

L'azienda e soprattutto i datori di lavoro devono finalmente rendersi conto che la famiglia costa molto tempo. Che madri e padri che riducono l'orario di lavoro di solito non lo fanno per mancanza di ambizione professionale. Quel lavoro impegnato in 20 ore settimanali è altrettanto possibile che in 40. Tuttavia, posizioni interessanti e impegnative vengono ancora assegnate secondo il motto "completamente o per niente". Finché ciò accade, le aziende non possono contare sulle donne - e sempre più anche sugli uomini - come me. Sono soprattutto i datori di lavoro che devono cambiare atteggiamento. Non noi.

Pensioni e TFR: meglio in azienda o nel fondo pensione? (Settembre 2020).



Tempo parziale, Jutta Allmendinger, lavoro, tempo parziale