L'investigatore malinconico

Non si sente molto a suo agio nelle interviste. Altri potrebbero farlo meglio, dice Uwe Kockisch con un tono leggermente berlinese, essere divertente e raccontare storie. Tanta moderazione non si sarebbe aspettata da quest'uomo che appare in jeans e giacca di pelle per parlare. Dal 2003, regala agli adattamenti cinematografici dei bestseller criminali di Donna Leon il Commissario. In precedenza, ha suonato per 20 anni al Maxim Gorki Theatre e alla Schaubühne di Berlino, determinato come commissario Zappek nel primo e recentemente ha ricevuto il Grimme Prize come attore principale in "Una città viene ricattata" di Dominik Graf. Tuttavia, Kockisch, nato nel 1944 a Cottbus, non ama essere al centro dell'attenzione.

Ma quando parla di Guido Brunetti, il suo commissario, ricorda storie. Per esempio, delle fan di sesso femminile che gli mandano lettere d'amore: "Molti pensano davvero che io sia Brunetti, le donne che mi scrivono sono molto affezionate a questo commissario, al suo modo di trattare le cose, e lo sono anch'io."

Brunetti mi impressiona.

Brunetti, l'eroe investigativo dell'autore americano Donna Leon, è un simpatico investigatore all'antica. Sempre vestito in modo impeccabile, passeggia per le stradine di Venezia, medita il bene nell'uomo e cerca disperatamente la società corrotta. "Dice la sua opinione, ma non apprezza gli altri, vuole far cambiare le cose con le proprie forze, cosa che mi colpisce", dice Kockisch.

L'attore sta lavorando al suo Brunetti da quando ha sostituito Joachim Król sei anni fa. Lo ricambia, privo di grandi gesti. A volte litiga anche con lui. "Ciò che viene raccontato in modo così approfondito nei romanzi, non possiamo suonare in soli 90 minuti per la televisione, i film sono una sorta di condensazione drammaturgica, ma cerco sempre di trovare il Brunetti che Donna Leon ha creato nei suoi libri", spiega lui. I film sono più vivaci dei modelli letterari, intrattenimento TV per tutta la famiglia. All'inizio Kockisch ha avuto un momento difficile: "Per un po 'ho smesso di leggere i romanzi, perché non ho trovato molti dettagli nelle sceneggiature, ma ora lo vedo più rilassato e rileggo di nuovo le storie - anche per evitare il Torna indietro per guardare avanti a Venezia. "

Donna Leon descrive la città in cui ha vissuto per anni, nei suoi romanzi fin nei minimi dettagli. Nel frattempo, ci sono anche tour della città sulle orme del loro famoso commissario. Kockisch gira lì tre mesi all'anno, trascorrendo il resto dell'anno a vivere con il suo partner a Madrid, vicino al Parco del Retiro. Lì si sente più a suo agio che a Berlino, e Venezia sarebbe troppo stanca per lui a lungo termine: "Non puoi sopportare così tanta bellezza tutto il tempo, saresti stupido".

Può arrabbiarsi per i turisti irriverenti. Recentemente ha chiamato un gruppo di americani in pantaloncini per visitare una cattedrale a Venezia. Kockisch non dà questo piccolo aneddoto, lo suona. Chiama ad alta voce "Stop, non entrare qui!" e "Quello non può essere vero!". Non è un grande narratore, è un attore.

Ecco perché è infastidito dalla domanda frequente se non sia strano ritrarre un italiano come un tedesco: "Come attore, come attore, vivo altre persone, non importa se è un personaggio storico come Richard Terzo o Oberon Sogno di una notte di mezza estate o solo un poliziotto italiano. "

E gioca con passione. Anche se Kockisch parla a malapena l'italiano, un po 'commissario è anche in lui. Quando il suo cellulare squilla, si scusa, va da lei e dice: "Tu, non è possibile, sono in un'intervista". E poi in poche parole e molto italiano: "Ciao."

【弱音ハク】Yowane Haku 探偵弱音ハクの憂鬱 La Malinconia del Detective Haku - Sub Ita (Novembre 2019).


Uwe Kockisch, Donna Leon, Venezia, Berlino, Premio Grimme, Crimine, Italia, Attori, Commissario Brunetti, Donna Leon