Safari in Namibia: nella terra dei grandi fiumi

"Beven, se non saremo lì al tramonto, ti spezzerò le gambe", aveva detto Dusty Rodgers e Beven aveva annuito con calma. Beven è guida naturalistica, autista, barcaiolo e poche centinaia di altre cose in più. Rodgers è Bevens Boss, un ladro di origine irlandese e anche un noto androher di ossa rotte. Insieme sono una di quelle tipiche coppie Capriviane. Occasionalmente paragonabile a Derrick e Harry. O con Petterson e Findus.

Rodgers voleva raggiungere la sua loggia "Susuwe" al tramonto e disse qualcosa su Gin Tonic sulla piattaforma della casa sull'albero che domina l'isola e attraverso il fiume Kwando. Questo lo avevamo già seguito per tutto il giorno. Prima in barca, attraversando le isole di canna, oltrepassando canticchiando le famiglie di Ippona. Camminando sotto gli occhi di antilopi aggraziate dagli occhi grandi. A volte ci avvicinavamo troppo a un elefante in piedi sulla riva, e poi, in modo antiquario, gli schiaffeggiava le orecchie e uccideva finché Rodgers non gli gridava che era abbastanza, e in effetti l'animale stava trollando. Probabilmente era preoccupato per le sue gambe!

Nel pomeriggio eravamo passati alla Jeep Beven, che era sulla riva da qualche parte in mezzo al nulla, e Beven disse che voleva solo essere chiamato Beven. Invece di ansimare per la minaccia del suo capo, guidò tranquillamente attraverso le piste di sabbia fino a quando il sole iniziò la sua discesa. Poi si fermò, aprì un tavolo, lucidò gli occhiali in modo che i raggi del sole al tramonto li prendessero, tirò fuori Biltong, asciugò la carne selvatica tagliata a strisce. Quando colpimmo, gli elefanti vennero a bere. Quasi senza rumore, ci superarono e si costruirono sulla riva. Stavano sorseggiando acqua, noi gin e tonic, e solo quando il sole era basso, Beven ci fece tornare nella jeep. Sulle strade ormai buie ci siamo imbattuti nell'unica luce in lungo e in largo. "Susuwe" disse Beven. Attraverso la fresca aria notturna, questa parola emise come un suono magico. Per gli ultimi metri sull'isola siamo tornati su una barca. Gli ippopotami sbuffarono nell'acqua scura, le rane si concertarono, la luna pendeva di traverso, le stelle scintillavano mille volte. La loggia giaceva nascosta tra le canne, immersa nella luce delle candele, e quasi quel momento sarebbe stato come un dolce sogno dell'Africa, se Rodgers non lo avesse detto, ma alla fine avrebbe spezzato le gambe di Beven.

Ci sarebbero state molte destinazioni per un viaggio in Namibia. Un intero paese pieno di meraviglie geografiche e animali selvatici. Ma volevo davvero andare in quella parte del paese che si estende come un dito indice dalla Namibia e punta verso lo Zimbabwe, lo Zambia, il Botswana e l'Angola. Volevo andare dove i fiumi scorrono senza soluzione di continuità. Zambezi, Kwando, Okawango, Linyanti. Dove l'acqua si snoda intorno alla macchia e alle isole, dove gli elefanti si fanno strada, senza riguardo ai confini disegnati dagli umani. Volevo andare a Caprivi.

Barche e traghetti mi attraggono finché riesco a ricordare. È qualcosa di nomade in me. Non importa dove sono, voglio sempre andare oltre: verso l'altra riva, oltre l'orizzonte. Caprivi sta realizzando questa idea di andare avanti, i suoi fiumi la fanno e, al confine successivo, la terra più vicina è sempre a solo una macchina.

Il capo Joseph Tembe, il cui nome tribale è Mayuni, è il capo del Mafwe a Caprivi e un campione di conservazione della natura

© Andrea Jeska

Caprivi è chiamato dal 2013 correttamente nella regione di Zambezi. Un nome scelto dal governo namibiano per scacciare le ultime ombre dell'era coloniale. La gente del posto continua a dire Caprivi. La striscia è un anacronismo geografico. Prende il nome da un cancelliere tedesco, Leo Graf von Caprivi, è stato creato per un solo scopo: in modo che i sovrani coloniali dell'Africa sudoccidentale tedesca, ora Namibia, abbiano avuto accesso ai Sambesi. Questa è l'unica ragione per cui questo dito di arbusto di canna d'acqua si stringe attraverso gli stati vicini. E solo per la sua posizione lontana dal resto, in particolare dalle destinazioni turistiche della Namibia, è ancora un po 'scoperto dalla natura selvaggia del turismo. Fino all'indipendenza della Namibia nel 1990, l'esercito sudafricano era di stanza lì perché il governo dell'apartheid sudafricano si era appropriato della Namibia. Nemmeno ai namibiani fu permesso di andare a Caprivi, e neanche gli animali andarono bene. La popolazione rurale l'ha uccisa perché aveva bisogno di cibo o la vita selvaggia ha lasciato dietro di sé campi calpestati. I soldati li hanno sparati per gli stessi motivi o solo per divertimento. Nel 1990, quando la Namibia divenne indipendente, Caprivi era un pezzo di terra dimenticato senza prospettiva.

Il mio viaggio è iniziato come una crociera sul fiume con una casa galleggiante sul Chobe. Il Botswana era a sinistra, la Namibia a destra, e nel mezzo navigavamo silenziosamente come se qualcuno avesse spento il suono del mondo. I bambini giocavano sulla riva del fiume.I pescatori sbarcarono in derive con il loro pescato mattutino. Erano posatoi di tilapia di notevoli dimensioni. I taxi d'acqua, le piccole barche di metallo, portavano donne dai villaggi circostanti. I falchi pescatori cerchiavano, una giraffa beveva con grazia con le gambe piegate a X e Kudus mi guardò con calma meditativa. Essere in mezzo a tutto quel serraglio dall'odore di colore ha prodotto quella sensazione di felicità che è come una droga per me. E per questo motivo viaggio in Africa ancora e ancora.

La sera siamo atterrati su un banco di sabbia. Le cicale si esibirono, i leoni ruggirono, il sole affondò e schiarì il cielo per un'enorme luna perfettamente arrotondata. Ho dormito a malapena quella prima notte. Ho sentito elefanti e ippopotami. La macchia su entrambe le sponde urlava e sospirava, e le stelle lampeggiavano direttamente nella mia cabina. Mi sentivo come un bambino che vive il mondo come un miracolo.

Caso chiaro: gli elefanti sono topi acquatici

© iStock / Thinkstock

La mattina dopo la casa galleggiante navigò senza di me. Sono salito su un motoscafo. Al sole del mattino, avevo visto i pescatori nascondere le loro reti, le gocce d'acqua su di loro erano luccicanti come gemme, e all'improvviso fu impossibile per me lasciare il fiume. Volevo guidare e guidare, trattenere questo scintillio e l'azzurro del cielo.

Forse Caprivi sarebbe stato dimenticato e non ci sarei mai andato. Ma poi gli animali sono tornati o sono stati reinsediati. All'inizio non per la gioia degli abitanti. I leoni mangiarono il bestiame, gli elefanti calpestarono i campi. Quindi, come dovrebbero le persone avere interesse a proteggere il nuovo bestiame? L'imprenditore Windhoek Rodgers è stato uno dei primi a investire in Caprivi e ha capito che lo sviluppo non avrebbe funzionato se le persone fossero state escluse.

Rodgers fece di Caprivi la sua casa per alcuni anni, seduto nelle capanne dei capi, ascoltando ciò che gli abitanti desideravano e dovevano vivere in pace con gli animali selvatici. "Abbiamo dovuto dare alle persone un incentivo a voler proteggere la fauna selvatica, il che era possibile solo fornendo loro profitti turistici, dando loro quote nelle logge".

Per molto tempo, i fiumi non sono stati così ricchi di pesci come una volta, ma la pesca è ancora in corso da imbarcazioni di riparo.

© Andrea Jeska

Parallelamente agli sforzi privati ​​per la regione, una grande visione ha germogliato e cresciuto. Angola, Botswana, Zimbabwe, Zambia e Namibia hanno deciso di creare una riserva naturale transnazionale in cui gli animali hanno letteralmente una libertà illimitata. Allo stesso tempo, questa conservazione della natura dovrebbe diventare la fonte di reddito per la popolazione che vive all'interno dell'area protetta. Le riserve, le aree protette che sono subordinate ai comuni, sono state picchettate, sono stati creati corridoi ecologici, lo stock di animali selvatici è stato contato. 20 anni dopo, nell'estate del 2012, la visione era diventata realtà. È stato aperto il Kavango Zambezi Transfrontier Park, in breve Kaza: a 440.000 chilometri quadrati, ha le dimensioni della Svezia. 36 parchi nazionali si trovano all'interno dei suoi confini. La Germania ha aggiunto 35,5 milioni di euro. Al centro dell'area dei cinque paesi, Caprivi è stato in prima linea nella realizzazione degli obiettivi ambientali e sociali del progetto.

Ho imparato la storia della roulette di pesce tigre la terza notte. Arrivammo nel Parco Nazionale di Nkasa Lupala in auto e di nuovo con molte barche: il nostro alloggio era il lodge "Casa Lupala", il cui comfort rendeva ridicola la parola "campeggio" e la cui posizione rendeva inutile il resto del mondo. Canne, corsi d'acqua, grugniti ippopotami ed elefanti, il mio cuore non ha mai voluto, mai più.

Non potemmo partire quella mattina perché una famiglia di elefanti stava attorno alla nostra jeep e non rispondeva ai nostri miserabili tentativi di riconquistare l'auto per noi. Abbiamo dovuto aspettare fino a quando non sono passati. Anche la sera si spostarono attraverso il campo e sentimmo il loro ansimare e il loro malcontento, il crepitio dei rami. Forse era il gin, forse le stelle lo confondevano, almeno Rodgers raccontava il suo test di coraggio Caprivi: uomini sicuri si avvolgono ... - indovina un po '- con un foglio di alluminio e poi nuotano attraverso il fiume. Per la gioia dei pesci tigre, che sono attratti da tutto ciò che lampeggia. Una storia che non ha bisogno di ulteriori dettagli, ma mostra che sebbene Caprivi sia la Namibia, ha le sue leggi.

Ovviamente, Dusty non ha rotto le gambe di Beven. Alla fine ha bisogno di lui. Quando arriviamo a "Susuwe", Beven ci serve la cena. C'è zuppa di zucca, bistecche di kudu alla griglia, verdure giovani, vino rosso sudafricano e dessert inglese budino. Come ogni sera in questo paesaggio acquatico, dove i polmoni si riempiono del miglior ossigeno, ho abbastanza fame da mangiare un intero kudu. Dopo cena ci sediamo intorno al fuoco, ci togliiamo le scarpe e dipingiamo figure sulla sabbia a piedi nudi. Beven parla della sua esperienza di 16 anni con i turisti.Una volta che un inglese si è lamentato del grugnito notturno degli ippopotami, una volta uno svizzero stupito ha stabilito che la Namibia non è più la Germania sud-occidentale. Ridiamo molto, guardiamo le stelle con la testa spalancata, sorseggiamo gli occhiali e filosofiamo sugli svantaggi e sugli stili di vita sbagliati nella civiltà. "Che bello sarebbe ...", diciamo. Ma poi lasciamo la frase sospesa in aria. Sappiamo che è un pensiero romanticizzante che non ha bisogno di altro che questo cielo, questi fiumi.

Ippopotamo, fai attenzione: una madre protegge i suoi bambini

© MogensTroll / istockphoto.com

Mentre cammino verso la mia casa a tarda notte, accompagnato da Beven e una torcia elettrica, un ippopotamo scappa con un calcio traballante e si tuffa nel fiume al buio. Lo sentiamo schizzare. Non sarebbe noioso per lui? Chiedo Beven. Le stelle, gli animali, l'acqua, il resto? In qualche modo mi calmerebbe, ha detto di sì ora. Quindi i miei dubbi sulla civiltà sarebbero finiti. Ma Beven scuote la testa, ride. "Bene," insisto, "bush è bush, elefante è elefante, ippopotamo è ippopotamo." Beven mi guarda con simpatia. "Non a Caprivi! Caprivi è diverso ogni giorno." Annuisco. Ha ragione, il ragazzo.

Informazioni di viaggio per la Namibia

Un pacchetto di viaggio completo per Caprivi è prenotare "sera sole Africa" ​​(www.abendsonneafrika.de). Il viaggio qui descritto con un pernottamento sulla casa galleggiante e poi in auto e in barca attraverso i parchi nazionali Mamili, Nkasa Lupala e Bwabata e altre sei notti nei lodge menzionati sotto costa circa 2350 Euro a persona in camera doppia.

voli da Francoforte a Johannesburg e poi a Kasane in Botswana con South African Airways da 1130 Euro, www.flysaa.de.

notte nella "Susuwe Lodge" con pensione completa e tutte le attività a persona e notte circa 330 Euro, www.caprivicollection.com.

Nel "Nkasa Lupala Lodge" costa la notte in una tenda di lusso per persona a notte con una doppia occupazione di circa 120 euro. Tel. 00264/81/147 77 98, www.nkasalupalalodge.com.

Case galleggianti sul Chobe o Linyanti via www.ichobezi.co.za.

safari e i trasporti individuali a Caprivi sono organizzati da Tutwa Tourism and Travel. Tel. 00264/64/40 40 99, www.tutwatourism.com.

Ulteriori informazioni tramite l'Ufficio del Turismo, www.namibia-tourism.com.

Per la lettura: "Il libro della Namibia - I momenti salienti di un paese affascinante", guida turistica di Kunth Verlag, 240 p., 24,95 euro

Undici avventurosi rapporti di Fabian von Poser: "Rapporto Namibia: attraverso gli occhi del ghepardo", 132 p., 14.90 euro, Picus

Zimbabwe - Victoria Falls, safari e molto altro - Episodio n. 4 (Novembre 2019).


Namibia, Africa, Elefante, Botswana, Deserto, Zimbabwe, Zambia, Angola, Safari, Parco Nazionale, Militare, Sudafrica, Africa Viaggi