Foto: scomparso in Argentina

Per molti autori argentini che si presentano attualmente alla Fiera del libro di Francoforte, la dittatura militare e le sue conseguenze sono il grande argomento letterario. Dal 1976 al 1983, una giunta militare guidata dal generale Jorge Rafael Videla governò il paese sudamericano. 30.000 persone sono scomparse durante questo periodo. L'esercito e la polizia hanno perseguitato studenti, intellettuali e attivisti dell'opposizione. Sono stati rapiti, torturati, uccisi. Le vittime furono sepolte in fosse comuni. Alcuni di loro erano sbalorditi dagli aerei lanciati sul Rio de la Plata. Molti parenti non sanno ancora come siano scomparse le loro vite.

Che vuoto sorge quando le persone vengono improvvisamente strappate dalle loro vite, mostra il progetto fotografico dell'Argentina Gustavo Germano. Cercava vecchie foto in album di famiglia di persone scomparse dalla sua regione d'origine, Entre Ríos, e le ricreava circa 30 anni dopo. Le sue immagini chiariscono come il terrore della dittatura militare abbia distrutto famiglie e amicizie in un modo tanto semplice quanto inquietante. Come Laura Cecilia Méndez Oliva.

Scomparso: Leticia Margarita Oliva e Orlando René Méndez

L'ultimo ricordo che Laura Cecilia Méndez ha di sua madre Leticia è quasi 30 anni fa. È il 27 dicembre 1978. Un comando armato assale la sua casa, Leticia Margarita Oliva viene picchiata e portata via. Sua figlia Laura ha appena tre anni allora. Non ricorda affatto suo padre Orlando. Era un membro del "Movimento peronista Montonero", un guerrigliero cittadino che combatté contro la dittatura militare del generale Videlas. Il 21 ottobre 1976 fu rapito insieme a Laura. Sulla strada per la famigerata prigione segreta "Escuela de Mecánica de la Armada" a Buenos Aires, muore. Laura, allora undicenne, finisce in un asilo nido. Alcuni giorni dopo, sua madre trova la bambina e si trasferisce con lei: in un'altra città, alla presunta sicurezza.

1973: Padre Andrés Servín si fida di Raúl María Caire e Luisa Ines Rodriguez. 2006: Andrés Servín e Lusia Ines Rodriguez.

Scomparso: Raúl María Caire

Il 24 febbraio 1973, Raúl e Luisa si sposano. Poiché Raúl è coinvolto nella gioventù peronista di sinistra, viene preso di mira dal gruppo paramilitare "Alianza Anticomunista Argentina". Un anno dopo il suo matrimonio, gli assassini mettono una bomba sotto la sua auto. Sopravvive e si tuffa, la moglie e i figli piccoli Ariel e Adrián lo seguono nella città di Resistencia. Il 2 novembre 1976, la famiglia viene rapita. Dopo dieci giorni di torture, Raúl María Caire viene assassinato il 13 dicembre nel cosiddetto "massacro di Margarita Belén" insieme ad altre 21 forze di opposizione dell'esercito. Sua moglie Luisa e i bambini vengono rilasciati dopo due mesi e mezzo.

1975: Omar Dario Amestoy e suo fratello Mario Alfredo Amestoy. 2006: Mario Alfredo Amestoy.

Scomparso: Omar Dario Amestoy

I fratelli Omar e Mario andarono a pescare e a fare il barbecue con le loro famiglie quando la foto fu scattata. Provengono da una famiglia di commercianti di tessuti. Omar ha una laurea in giurisprudenza, lavora presso l'ufficio di registrazione dei veicoli di Nogoyá e lavora per famiglie socialmente svantaggiate. Omar, sua moglie María del Carmen Fettolini ei suoi due figli, la bimba María Eugenia di cinque anni e Fernando, tre anni, muoiono durante il "massacro della strada Juan B. Justo" a San Nicolás de los Arroyos. È effettuato da unità dell'esercito argentino, della polizia federale e della polizia di Buenos Aires.

Il libro

mancante il progetto fotografico Ausencias di Gustavo Germano con testi sulla dittatura in Argentina 1976-1983

Munich Spring Verlag 128 pagine, depliant da 28.90 euro

Argentina: sottomarino scomparso, un anno dopo il mistero continua (Ottobre 2019).


Fiera del libro di Francoforte, Militare, Ferita, Polizia, María, Buenos Aires, Automobile, Rio, Argentina, Laura, Argentina, Fotografia, Fiera del Libro di Francoforte, Scomparso, Dittatura