Profumo: Ken Duken parla chiaramente del suo ruolo nella serie


È una delle relazioni più fatali in una serie di crimini pieni di relazioni fatali e abissi umani: il matrimonio tra Roman (Ken Duken) ed Elena Seliger (Natalia Belitski) è stato, per così dire, nato da uno stupro in collegio. Quale attore Ken Duken (39, "Another League") pensa al suo ruolo confusionario nella nuova serie in sei parti "Perfume", spiega in un'intervista all'agenzia di stampa spot sulle novità.

La serie oscura e impegnativa di una ex cricca di collegio, che combina un terribile segreto, sarà trasmessa sabato / domenica / lunedì (5.-7.1). In due episodi ciascuno da 21: 45/22: 00/22: 15 su ZDF. Oltre a Duken, Friederike Becht, Wotan Wilke Möhring, August Diehl, Christian Friedel, Trystan Putter, Juergen Maurer e Marc Hosemann brillano anche in un formato insolito.



La serie era basata su motivi del romanzo di Patrick Süskind "Il profumo: la storia di un assassino". Hai letto il libro prima delle riprese e dovresti averlo letto per la serie?

Ken Duken: Sì, qualche volta durante i miei giorni di scuola. Non penso che sia impellente leggere prima il libro. Siamo più un adattamento del soggetto che un adattamento del romanzo.

Sei stato l'adattamento cinematografico di Tom Tykwer? Ha un ruolo nella serie criminale?

Duken: Certo, ho visto il film di Tom e mi è piaciuto molto. Le sue riprese nei miei occhi non contano per la serie.

Stanno giocando a uno dei pensionanti. Potresti usare la tua esperienza?



Duken: ero in collegio e non ne ho ricordi positivi.

La serie può anche essere intesa come un appello contro i collegi?

Duken: Penso che sia diverso per tutti. La nostra serie parla degli abissi umani, e possono essere trovati ovunque.

Suonano Roman Seliger, il cui matrimonio con Elena Seliger (Natalia Belitski) in una certa misura è sorto da uno stupro ai tempi dell'imbarco. Cosa hai pensato quando lo hai letto nella sceneggiatura?

Duken: il rapporto tra i due è un po 'più complesso - per non dire altro.

Cosa ne pensi di Roman Seliger comprensibile e inquietante?

Duken: il mio approccio è quello di perdere la valutazione personale dei miei ruoli, altrimenti non potrei interpretare certi personaggi senza screditarli. Soprattutto nel caso di Roman, è stato molto importante per me capire la disperazione e l'amarezza che lo costringe ad agire.



Come spieghi che i due si sono uniti e sono rimasti insieme per così tanto tempo?

Duken: la co-dipendenza sarebbe una spiegazione tangibile.

Amore e violenza, fino a che punto possono appartenere insieme per il tuo gradimento?

Duken: In questo caso e quello, non mi appartiene ed è imperdonabile, punto. Se qualcuno vuole sculacciare di nuovo il culo in camera da letto, tutti devono decidere da soli.

La serie parla anche di "essere amati a tutti i costi" - alcuni attori hanno già infranto quel desiderio nella vita reale. Cosa ti tiene personalmente a terra?

Duken: ... non solo attori, credimi. Io tengo la mia famiglia a terra.

Alcuni episodi della serie sono stati presentati per la prima volta nel 2018 al Munich Film Festival. Come l'hai vissuto? E quale è stato il feedback più sorprendente?

Duken: Tutto sommato, è stato un bel momento per me, soprattutto per vedere tutti coinvolti di nuovo ... La serie avrebbe avuto un'immagine spezzata di donne, ne ho sentito un paio di volte. Non potrei fare molto con quello. Prima di tutto, l'immagine delle donne non affronta un'immagine maschile sana, e in secondo luogo, la visione dei personaggi si apre nel corso ulteriore della storia. La serie è una critica super-sociale e non segna con la maggior parte dei simpatizzanti.

Suspense: My Dear Niece / The Lucky Lady (East Coast and West Coast) (Agosto 2020).



Ken Duken, Profumo, Ratto, Tom Tykwer, ZDF, Wotan Wilke Möhring, August Diehl, Marc Hosemann, Patrick Süskind, Profumo, Ken Duken, Roman Seliger, Nuova serie, Intervista