Orgasmo sul tavolo della cucina


Le sere in cui la rivoluzione sessuale ha scosso la loro terraHülya Adak non dimenticherà mai: all'incirca 70 donne spinte l'8 marzo 2008 in una piccola stanza nella capitale kurda conservatrice Diyarbakir nell'estremo sud-est della Turchia. Era stretto e soffocante, eppure tutti rimasero incantati fino a tarda notte.

Quello che accadde quella notte fu davvero impensabile: per dieci ore, dieci donne di Diyarbakir stavano leggendo i testi, in cui le donne turche riportano seni troppo piccoli o da un imene troppo elastico, si sentono degli orgasmi sul tavolo della cucina e del dottore che gioca con le amiche, ma anche di stupri, colpi, omicidi d'onore.



Era la prima volta in Diyarbakir che le donne parlano così apertamente di lussuria e amore sul palcoscenico. E quattro settimane dopo, alla ripetizione della lettura ad Istanbul, il pubblico ha iniziato a raccontarsi anche dopo le conferenze: Fantasie sessuali e tecniche di masturbazione, combattendo a letto e flirtando per strada.

Le donne non volevano fermarlo.

"È stato come rendersi improvvisamente conto che il sesso non è qualcosa di cui dobbiamo vergognarci o di cui non possiamo parlare", ricorda Hülya Adak. "Per una società musulmana come la Turchia è stata una novità assoluta!"

Hülya Adak è professore di letteratura a Istanbul? e femminista. Insieme a tre colleghi, ha organizzato le due letture. È stato il test infuocato di un progetto su cui il team ha lavorato per sei anni: Ispirato ai "Monologhi della vagina" di Eve Ensler Hanno chiesto a 50 donne turche in Turchia e in Germania la loro vita sessuale. Con i protocolli, ora volevano fare un giro di lettura e rompere uno dei più grandi tabù delle società islamiche: parlare in pubblico del sesso - da parte delle donne.

Oggi, un anno dopo, sono ancora in tour. I protocolli sono già stati presentati e discussi in otto città turche e il libro sul progetto è pubblicato nella seconda edizione. E la domanda non si ferma. Anche gli uomini mostrano interesse, addirittura fanno le confessioni delle donne in alcuni eventi stessi? in una società machista come quella turca, una audace impresa.



Ma il pubblico è eccitato. Sembra che Adak e i suoi colleghi abbiano effettivamente aperto una serratura: Una società inizia a discutere di orgasmi, imene e ruoli di generema soprattutto: capire le donne come esseri che, come gli uomini, hanno il diritto di decidere da soli quando, come e con chi vanno a letto. "È", dice Hülya Adak con orgoglio, "come l'inizio di un nuovo approccio al sesso".

Alla fine di marzo, il libro sul progetto sarà pubblicato anche in Germania ("È così bello", Orlanda-Verlag, 12,90 euro). Ed è solo da augurarsi che si increspi tanto in alto quanto in Turchia come in Turchia.

Non tanto, perché dobbiamo imparare a comunicare l'un l'altro senza inibizioni sul sesso. Ma perché i registri le più colorate, le più complesse e le più autentiche sono quelle che si trovano attualmente in Germania sul tema del sesso e dell'Islam nelle mani, E a proposito, queste donne con il loro umorismo e la loro apertura ci spingono ancora più energeticamente dal divano cliché così confortevole.



Certo, i noti aspetti negativi della moralità sessuale musulmana - Omicidi d'onore, culto vergine, matrimonio forzato - Sono anche qui argomento. Per esempio, quando il Sinem transessuale racconta come la sua famiglia lo ha incatenato al riscaldamento per giorni, facendolo morire quasi come un animale a causa del suo orientamento sessuale, solo per salvare l'onore della famiglia. Arcaico suona come una fiaba del penultimo secolo.

Ma solo poche pagine raccontano alla donna delle pulizie di 35 anni Irem il dramma del suo primo matrimonio, l'uomo che la picchia ancora e ancora, ma ancora così appassionatamente desiderata e amata che la sua morte precoce quasi uccide se stessa. Sebbene il matrimonio di Irem sia organizzato, i due vivono in povertà che difficilmente si trova in questo paese. e ancora: il Desideri, complessi e conflitti, con chi combatte la coppia, si potrebbe riconoscere anche in qualche relazione tedesca.

Anche se le donne riflettono sulla verginità e sull'onore femminile, a prima vista sembrano esotiche: ad esempio, il ventunenne Gülfidan applaude in modo provocatorio alla perdita prematrimoniale della sua verginità? per i musulmani strettamente religiosi un peccato grave, Eppure, non si ribella solo ai guardiani della morale religiosa: "Ero arrabbiato con chiunque imponesse regole solo a causa di mia moglie", spiega. "Volevo definire me stesso la mia femminilità!"

E la stessa piaga della studentessa Hilda è preoccupata, in quanto sono discussi anche in alcuni forum di Internet occidentali sotto copertura dell'anonimato: Non lascerà andare la sua verginità nonostante ripetuti tentativi ? 23. Quanto imbarazzante, trova Hilda, specialmente da quando la sua sensuale madre, anche a 13 anni, ha gettato i primi ragazzi e ha persino preso in giro la furia della loro famiglia strettamente musulmana!

Sembra che il sesso e l'amore siano semplicemente troppo universali perché possano essere permanentemente schiacciati in idee rigide di oriente e occidente, tradizione e modernità. Come se dovessimo accettarli invece, mentre li afferrano di nuovo, portano via, decollano. Sia ad Ankara che ad Augusta. "È così, la mia bellezza", dice una delle donne del libro ad un certo punto. E quindi forse va anche bene.

Tre donne turche raccontano: "Così è, la mia bellezza"

Gülfidan sulla verginità

Irem su violenza e amore

Yagmur, 27 anni, sulla sua omosessualità

divertente sotto le scene del film tavolo (Agosto 2020).



Turchia, Germania, orgasmo, vita amorosa, Istanbul, Protocollo, Eve Ensler