Nessun piano in Giappone

La prima impotenza è arrivata dopo un'ora.

Il colore rosa è popolare a Tokyo - anche nei negozi ...

Se solo tutto potesse passare al rallentatorese tutte quelle luci, persone e macchine rallentassero, uno dopo l'altro e non tutti allo stesso tempo, gli ascensori illuminati si accalcavano su e giù per gli edifici, le stelle giapponesi della parata che danzavano su enormi monitor su campi di fiori, personaggi, forse sono delle notizie, vagano su facciate di vetro, tutto si riflette l'un l'altro. E infiniti bruchi con migliaia di facce inespressive e gambe sottili provengono da tutti i lati.

Da quando abbiamo lasciato la segnaletica inglese sicura dell'aeroporto, ci sentiamo come due gusci di noce nel mare spazzato dalla tempesta. Non lo volevamo in nessun altro modo, il nostro piano non è quello di averne uno: il fotografo Nora e io voglio viaggiare in Giappone senza un gruppo, senza un traduttore, senza un budget di viaggio nella quantità di due salari mensili e senza una rotta fissa. Vogliamo conoscere il mondo, in cui i personaggi di Haruki Murakami si sentono spesso soli e Bill Murray scuote costantemente la testa in "Lost in Translation". Solo l'hotel per la nostra prima notte nel quartiere di Tokyo di Shibuya, "perché la parte anteriore sinistra", dice il ragazzo, ho appena tenuto la nostra mappa sotto il naso.

... come con le ragazze manga

Di giorno ci stiamo abituando alle dimensioni di TokyoCirca 8,5 milioni di persone vivono nei 23 distretti, quasi 35 milioni nell'area metropolitana della città, fino a otto milioni di persone che si spintonano nelle metropolitane del mattino e della sera, e circa due milioni attraverso Shinjuku, il più grande del paese , Qui i ponti pedonali simili a tubi si snodano su strade a più corsie e un groviglio di binari, dietro il quale troneggia una montagna di uffici come un parco di sculture futuristico. Stiamo girovagando tra torri specchiate color grigio-blu, permettendoci di essere trasportati da ascensori a grandi panorami in pochi secondi. Attraversiamo negozi in cui non ci sono scaffali e venditori, ma solo distributori automatici, attraverso il grande magazzino "Shibuya 109", che sembra un'enorme casa delle bambole Barbie per l'enorme quantità di rosa e glitter. Ammiriamo i piatti di plastica per sushi e piatti di pasta nelle vetrine di fronte ad ogni ristorante. Mi sento come un bambino che cammina per la prima volta in un parco avventura.

L'ambizione di trovare i nostri modi, ci siamo arresi rapidamente. Sviluppiamo un sistema di bozzetti stradali e domande. Una volta fermati, i Tokio sono molto simpatici e penso che vorrebbero aiutarci, ma sono contenti di conoscere la loro strada. A Tokyo, le case non sono numerate, ma numerate per età. I nomi delle strade sono spesso difficili da trovare e difficili da capire: quando chiedo al commesso se quello è l'incrocio di Roppongi là fuori, lui dice "Aspetta" e scappa. Tre minuti dopo, torna e dice: "Sì, è lei".

I primi amici che abbiamo fatto cantando.

Tranne noi solo giapponesi seduti nel bar "Gengetsu" nel distretto di Roppongi. Il barista Nora ha appena portato una torta di compleanno e tutti hanno cantato una serenata. Ora ci guardano incuriositi: due donne, un ragazzo e un chihuahua. Una delle donne, maglione bianco angora, cappello marrone, trucco pesante, parla inglese. Il suo nome è Mayumi, ha 38 anni e è un'editrice presso la rivista femminile "Anan". Shinya, l'uomo, e Sonoko-Ima, l'altra donna, non ci capiscono, sorridono. Kechop, il Chihuahua, sbadiglia, ma non dorme. Chiediamo solo "Karaoke?", I tre hanno già le loro giacche e ci mostrano la strada.

All'ingresso di un grande isolato ci viene assegnata una stanza e proseguiamo fino all'ottavo piano. L'intero edificio è composto da stanze di diverse dimensioni, che sono attrezzate per un solo scopo: cantare. I paesaggi di fantasia al neon sul muro sono l'unica luce. Su un tavolo giacciono raccolte di canzoni, grandi e grasse, come elenchi di grandi città e campanelli musicali. Shinya accende un monitor, ordina un drink al telefono a muro, poi mette uno dei libri tra le mani e afferra il microfono.

Dal trambusto di Tokyo Sonoko-Ima spegne il karaoke

Anche se non sa parlare inglese, può cantare ancora meglio l'inglese - Red Hot Chili Peppers su e giù. Mayumi regala una Debbie Harry passabile, Sonoko-Ima una greniforme Whitney Houston. Cosa mi aspettavo in un paese in cui il canto è uno sport popolare? Dovrebbero esserci anche persone che prendono in affitto una scatola del genere per esercitarsi. Sono una delle persone che sono anche alla serenata di compleanno più semplice costante di mezzo tono accanto ad essa.Mi guardano in attesa, sudano, poi ci provo con "Venus". Applaudono, più educati che eccitati, la mia inibizione cala, il mio volume si alza, Kechop si nasconde in tasca. Shinya ordinerà molte più bevande, ma non è questo il motivo per cui non vedo l'ora di tornare al prossimo turno e Kechop non risparmierà né Madonna né Robbie Williams. C'è di più in questo modo rilassato e rilassato di socializzare, perché tutti - più tardi la sera - sprofondano sempre più nel canto. Non ci sono quasi discorsi, impariamo a conoscere i tre e anche niente. Ma passiamo un tempo come buoni amici. Quando lasciamo la nostra scatola intorno alle tre del mattino, nelle molte altre stanze ancora rumorose.

La prima pace che speravamo mentre guidavamo verso nord.

A volte striduli, a volte silenziosi: i percorsi intorno a Nikko sono ben segnalati - il che non è di aiuto neanche a Tinka Dippel, dipendente di ChroniquesDuVasteMonde.

Nikko, in treno a circa due ore da Tokyo, una piccola città tra le montagne, la porta d'ingresso per un parco nazionale: qui vogliamo goderci la pace dopo tre giorni a Tokyo. Nove di sera, nessuno nelle strette strade di legno. Dietro la nostra pensione si increspa un ruscello. Nikko dorme presto, anche noi.

E così la mattina dopo alle sette ci sediamo sull'autobus sulla strada per un viaggio al lago Chuzenji. Va sempre più in alto, su serpentine strette attraverso bellissime foreste di colore giallo e rosso. Dove molte macchine parcheggiano in questo momento e decine di giapponesi stanno aspettando la partenza di una gondola, qualcosa di speciale deve essere visto. Dopo un'ora di attesa e un minuto di guida siamo più intelligenti: va su una piattaforma di osservazione ed è sempre in vista, a meno di dieci minuti a piedi. Siamo in piedi con una gondola carico giapponese sul parapetto, gettano la vista "Hooooos" che ispira e lungo Fotosalven contrariamente: le montagne punteggiate dalla cornice autunnale del lungo lago, di fronte al Kegon scende a quasi 100 metri nelle profondità. Vogliamo goderci il panorama in pace e seguire il sentiero fino al lago. "Ci vogliono almeno tre ore", ci chiama l'uomo della gondola. In un'ora comoda siamo lì.

Il tempio Eikando a Kyoto

E anche molti altri. E ci sono sempre di più. Non sapevamo cosa significasse la colorazione delle foglie autunnali: un ingorgo stradale, un serpente alla fermata dell'autobus. E quando finalmente torniamo a Nikko, è irriconoscibile. C'è anche un ingorgo nel traffico: nulla si muove più nelle strade, migliaia di persone vagano per il Santuario Toshogu, uno dei santuari del paese. Dove erano tutti la scorsa notte? E dove non dobbiamo condividere la bellezza del Giappone con così tanti? "Matsushima", dice l'ospite nella nostra pensione. "Uno degli angoli più belli del mare, e in questo momento non c'è nessuno lì."

La prima vera pace che abbiamo trovato in una pineta.

Quello che è veramente tranquillo è sperimentare chi visita le fattorie di mitili a Matsushima

Da Nikko un pezzo con il treno regionale, il treno espresso Shinkansen più a nord - ogni treno è in orario al minuto. Poi con una specie di S-Bahn, dalla quale vediamo il mare scintillare nell'oscurità. È di nuovo notte quando arriviamo, questa volta in un enorme ostello vicino a Matsushima. Mi piacerebbe sapere di più sulla zona e chiedere alla reception per una connessione internet. Dipinge due frecce su un pezzo di carta, a sud e a nord, e scrive una volta "20 min" e una volta "60 min" accanto ad essa. Poi mi guarda e dice: "In treno!" I monitor giganti, i telefoni a muro e i servizi igienici high-tech: tutto il Giappone high-tech è qui molto lontano.

Quando esploriamo l'area la mattina dopo con le biciclette, ci rendiamo conto di quanto lontano. Solo pochi surfisti si trovano sull'ampia spiaggia di sabbia deserta. Abbiamo la strada sulla vicina penisola per noi. Attraversiamo montagne densamente boscose, porti di pesca, lavoratori del campo, porte del tempio e figure di Buddha ornate con carta argentata, fiori e bavaglini Hello Kitty. Dove le carovane vanno in spiaggia in estate, ora è quasi irreale morto in autunno. Ma su un risultato tecnico del giapponese si può fare affidamento anche in angoli deserti: macchine per bevande. Ovunque viaggiamo, ci forniscono bevande rinfrescanti e caffè e tè caldo in scatola.

A Matsushima, i desideri sulla carta di fronte ai templi sono numerosi

Sulla strada per Matsushima, ci interrogiamo sulle pile bianche nei campi - finché non ci rendiamo conto di cosa sono fatti: conchiglie. Fuori dal mare spuntano le poste delle fattorie di ostriche, sul marciapiede di una trentina di donne in un edificio allungato, rompere le ciotole con movimenti monotoni, tirare fuori le cose unte e darci un po 'di provare. Con la scusa che sono solo le nove di mattina, rifiutiamo per fortuna, ma sicuramente. A Matsushima, invece, mangiamo il sushi più fresco e, per dessert, il gelato a base di riso e un po 'friabile, ma delizioso.

I pochi turisti soggiornano presso i templi, le barche turistiche e la casa da tè direttamente sul mare. Siamo seduti sulla collina panoramica, a scrutare i tetti della città sull'acqua e molti isolotti densamente invasi e con un tè verde macchiato sull'ospite che ci ha mandato qui. Aveva ragione: il Giappone è il più bello, dove non è esattamente la stagione.

La prima connessione familiare era a Kyoto.

Il padiglione d'oro a Kyoto

Ogni mattina alle 7:45, Yasuyuki Hirai, ospite della nostra pensione a Kyoto, bussa alla nostra porta e grida: "La doccia è pronta!" Poi cucina il caffè al latte, spara panini e scatta frutta. Come in ogni alloggio, dobbiamo togliere le scarpe da ginnastica e le ciabatte di plastica all'ingresso. Quando torniamo di nuovo in bagno con le ciabattine o con le ciabatte in bagno, Yasuyuki si batte disperatamente le mani sopra la testa. Se lasciamo una bottiglia piena d'acqua nella stanza al mattino, l'ha imballato in un frigorifero la sera.

Dalla nostra stanza vediamo già le scale e i vicoli annidati, i tetti delle case di legno e dei templi - circa 2000 è nella ex capitale del Giappone. I 1001 Buddha d'oro nel Sanjusangen-do, il Padiglione d'oro, il giardino Zen nel Ryoanji - nel mezzo ci sediamo su biciclette a noleggio e attraversiamo le strade quasi tranquille di Kyoto rispetto a Tokyo. Passeggiamo attraverso l'enorme parco intorno al vecchio palazzo imperiale, attraverso i giardini dei templi, le strette viuzze di legno del distretto di Gion, lungo il Sentiero dei Filosofi. Guardiamo i monaci pregare, guardare nella vecchia anima del Giappone.

Cena insieme a Keiki e Junichi Kitao

E stanno diventando sempre più curiosi di sapere come vivono i giapponesi a casa loro. Sulla mediazione della International Community House, una sorta di centro di comprensione internazionale, visitiamo la coppia Keiko e Junichi Kitao, pieni di aspettative per vedere finalmente uno di questi eleganti appartamenti minimalisti dalla nostra concezione giapponese. I bambini sono fuori casa, per gli standard giapponesi, i due hanno molto spazio - hanno anche riempito fino all'ultima curva. Il soggiorno è una galleria unica di ricordi di viaggio provenienti da tutto il mondo. Mentre i due ci raccontano di come pochi giorni hanno viaggiato in Israele, Hawaii e Germania, gamberi secchi, maiale, cipollotti, farina, uova, zenzero, calamari e purè di patate si uniscono in una padella da tavola in una specie di frittata, chiamata Okonomiyaki. Vogliono sapere praticamente nulla di noi, e loro stessi chiedono molto, hanno detto lo stesso, non lo vogliono neanche loro. Quindi o loro o noi diciamo qualcosa, altrimenti viene mangiato e tace. Mi chiedo sempre, se si aspettano qualcosa da noi, se sto mangiando troppo velocemente o troppo lentamente, se ci comportiamo, senza rendercene conto, in qualche modo maleducati. Dopo tre ore siamo di nuovo in treno, carichi di torte, mandarini, tappetini per mouse stampati ad arte e la certezza che la comunicazione giapponese è un mistero non solo per i personaggi.

Il primo sconto che abbiamo ricevuto perché un uomo aveva paura della sua macchina.

Abbiamo appena noleggiato questa macchina. E mentre siamo così nervosi, con l'automatico non del tutto familiare, lasciamo la sua postazione, l'uomo sta ancora sventolando correndo accanto a noi e chiama, se tutto va bene. Sebbene non siamo abituati al traffico a sinistra, non comprendiamo i segni sul dispositivo di navigazione e quelli sui segnali stradali, ma per il resto tutto va bene.

Nel lago Biwa c'è un cancello del tempio nell'acqua

Dal Monte Hiei, vicino a Kyoto, osserviamo l'infinita nebbia del Lago Biwa, il più grande lago del paese. Sulla riva, guardiamo i pescatori, fermiamo a templi sconosciuti, guidiamo verso nord attraverso piccole città con valanghe di metallo, giriamo verso il mare, ci muovono, ci chiedono, compriamo sushi, tè e budino "Seven Eleven", facendo picnic sulla spiaggia in Obama, sono ancora una volta gli unici due punti di vita e ci chiedono se c'è anche qualcosa in Giappone tra affollato ed estinto.

Sulla via del ritorno a Kyoto prendiamo la strada attraverso montagne boscose e arriviamo appena in tempo al noleggio dell'auto. L'uomo si inchina più volte, corre qualche giro intorno alla macchina, cerca graffi, accetta con gratitudine la chiave. Non saremmo stati in grado di fare il pieno, diciamo. Ride e risponde, ci dà il gas. E penso che lui pensi: la cosa principale è che la macchina è tornata.

Il rilassamento totale che abbiamo trovato in Hakone.

Non importa dove ti trovi in ​​Giappone, ci sono sempre distributori automatici nelle vicinanze

Uno dei motivi più popolari del Giappone è il Lago Ashi a Hakone e sullo sfondo un enorme cono, il Fuji, a 3776 metri la montagna più alta del paese. Non vediamo nessuno di loro quando arriviamo, il Fuji è coperto da nuvole, il lago molto lontano dalla nostra pensione. Tanto meglio, quindi dobbiamo solo stenderci in uno dei tanti bagni onsen. Per i giapponesi, questi bagni fanno parte della loro cultura, si dice che l'acqua calda dall'interno delle rocce abbia effetto curativo e fortificante.Dove non ci sono sorgenti naturali, l'acqua è riscaldata in qualche altro modo, ma qui, nel sud-ovest di Tokyo, ci sono molte sorgenti. E molti residenti di Tokyo amano trascorrere un'ora e mezza nei loro giorni liberi per rilassarsi nell'acqua calda.

Nel Notemburo di Tenzan ci lasciamo galleggiare nel vapore acqueo attraverso grotte di pietra e passiamo di nuovo le esperienze dei giorni passati. Piano piano ci sentiamo un po 'familiari con il Giappone, ma ci sono alcune cose che probabilmente non capiremo mai, c'è un po' di riposo. Traduzione in italiano: stupore: perché è così affollato a volte, a poche miglia di distanza, che è così vuoto per esempio. Come i giapponesi riescono a gestire quel poco di plastica e lattine che giacciono con le grandi macchine e la piccola densità dei rifiuti. O quello che trovano a casa pantofole, in cui hanno già messo molti piedi. Perché persino uomini d'affari in giacca e cravatta appendono gli animali di Hello Kitty sui loro telefoni a conchiglia. Come trascorrere una domenica di sole dalla mattina alla sera nei palazzi dello shopping di Tokyo. Perché molti giapponesi hanno paura di essere chiesto qualcosa a cui potrebbero non essere in grado di rispondere. E perché si scusano e ti ringraziano per tutto.

Il primo giorno senza domande è stato l'ultimo.

Il grosso pesce è intorno alle cinque del mattino. Sono così stanco che riesco a malapena a stare in piedi e stare lontano dal trambusto per non essere travolto. Siamo tornati a Tokyo e iniziamo l'ultimo giorno del nostro viaggio con l'asta del tonno sul mercato del pesce di Tsukiji, il più grande del mondo.

Chiunque abbia acquistato abbastanza corpi da uno a due metri, li invita alla sua auto e corre verso il suo stand, indipendentemente dal modo in cui si comportano da spettatori. Camminiamo attraverso le enormi sale, osserviamo le innumerevoli vasche piene di animali marini intrecciati, in parte completamente sconosciuti: cozze, cetrioli, aragoste, seppie, granchi - corpi traballanti, spinosi, squamosi.

Ogni luogo di riposo: nello scintillante distretto di mica Shibuya a Tokyo, l'ingresso al grande magazzino "109" è relativamente tranquillo.

Usiamo quindi le nostre ultime ore per percorrere il maggior numero possibile di ponti pedonali e miglia commerciali, per assorbire ancora una volta tutta la meravigliosa pazzia di Tokyo che c'è in noi. Mangiamo ancora una volta zuppa di spaghetti nel ristorante fast food, compriamo montagne di assurdità colorate come adesivi, ciondoli per cellulari, carta origami, lattine di soda con impronta di manga e timbro, malinconico al pensiero che il Giappone sarà presto l'altra estremità del mondo. E poi salutiamo due facce più familiari: Mayumi, il nostro compagno di karaoke, e Kechop, il Chihuahua. Li incontriamo al bar "Bizarres" e beviamo Shochu, la vodka giapponese. Oggi Kechop indossa una felpa con cappuccio rossa Adidas ed è più vivace dell'ultima volta. Mayumi chiede e non dice molto. Nemmeno noi. Forse siamo troppo stanchi, forse solo un po 'giapponesi.

Informazioni di viaggio Giappone

COME ARRIVARE Japan Airlines vola giornalmente da Francoforte a Tokyo, avanti e indietro intorno a 1150 Euro (Tel. 0180/222 87 00, www.jal.com).

MIGLIORE TEMPO DI VIAGGIO Da marzo a maggio (fiore di ciliegio) e ottobre / novembre (colorazione del fogliame).

SOLDI In molti hotel e ristoranti puoi pagare con Visa o Mastercard. Prelevare denaro, ad es. con carta di debito negli uffici postali.

Muoversi In treno Japan Rail Pass da 175 euro per una settimana. Valido su tutti i treni delle Ferrovie del Giappone, deve essere acquistato in Germania. In macchina È richiesta la traduzione della patente di guida giapponese (20 Euro, tramite la Japan Auto Federation).

TOUR DI GRUPPO IN GIAPPONE Nippon per backpackers. Età 20-35. Guarda il training sumo a Tokyo, fai un giro a Kyoto e in Giappone e viaggia in treno. 13 giorni di viaggio incluso volo (per Fukuoka, ritorno da Osaka), U in hotel di media categoria, viaggi in treno, dal 1999 Euro (Marco Polo Travel, Tel. 008 00/96 86 45 46, Fax 089/15 00 19 18, www.younglinetravel . de). Nella terra del sol levante. I vivaci quartieri di Tokyo, i templi di Kyoto, Hiroshima, Hakone. 13 giorni di viaggio incluso il volo (a Tokyo, di ritorno da Osaka), B & B in hotel e un viaggio in treno, ryokan, da 3349 euro (viaggi in roulotte, Tel. 071 41/284 80, fax 28 48 26, www .karawane.de).

INFO Centro di informazione turistica Tokyo. 9-17, Tokyo Kotsu Kaikan Building, 10 ° piano, Stazione Yurakucho, Tel. 03/32 01 33 31. Informazioni turistiche di Kyoto. Dalle 10 alle 18, chiuso ogni secondo e quarto di martedì al mese, Stazione di Kyoto, 9F, Tel. 075/344 33 00. Centro informazioni Nikko. nella via principale, a metà strada verso il santuario di Toshogu a sinistra (9-17 in punto, Tel. 02 88/53 37 95). Informazioni turistiche su Hakone. Di fronte alla stazione Yumoto. 9.30-17.30, Tel. 046 08/589 11). Ufficio di informazione turistica Matsushima. 10-17, Stazione Matsushima-Kaigan, Tel. 022/354 22 63.

TOKYO

Per una prima panoramica: la linea Yamanote delle ferrovie del Giappone viaggia in superficie una volta in cerchio attraverso il quartiere principale, durando poco più di un'ora. Questa corsia, in congiunzione con le più raffinate linee della metropolitana, è il modo migliore per muoversi attraverso la città (i treni non vanno da mezzanotte alle cinque del mattino).

SOGGIORNO Hotel Fukudaya. Tranquillo, pulito, a 15 minuti a piedi dalla stazione di Shibuya. Camera doppia da 56 Euro, senza colazione (4-5-9, Aobadai, Meguro-ku, Tokyo153-0042, Tel. 03/34 67 58 33, Fax 34 67 60 83, www.fukudaya.com). Sakura Fleur Aoyama. Hotel carino con sala massaggi e bar. DZ / F da 103 Euro (2-14-15 Shibuya, Shibuya-ku, Tokyo 150-0002, Tel. 03/54 67 37 77, Fax 54 67 37 97, www.sakurahotels.com). Hotel Asia Center of Japan. Pulito, funzionale, il personale parla inglese. Tra le stazioni Aoyama, Akasaka e Roppongi. DZ / F da 76 Euro (8-10-32, Akasaka, Minatoku, Tokyo 107-0052, Tel. 03/34 02 61 11, Fax 34 02 07 38, www.asiacenter.or.jp). Ryokan Sansuiso. Sistemazione economica semplice, a cinque minuti dalla stazione ferroviaria di Gotanda, a due fermate dal quartiere alla moda ma non affollato di Ebisu. Camera doppia da 53 Euro, senza colazione (2-9-5, Higashi-Gotanda, Shinagawa-ku, Tokyo 141-0022, Tel. 03/34 41 74 75, Fax 34 49 19 44, www.sansuiso.net) Alloggi economici a Tokyo e in tutto il Giappone: tramite Welcome Inn Group o Japanese Inn Group.

MANGIARE E BERE Wasshoi. Bello, piccolo, giovane bar a Daikanyama. Cucina semplice, molto buona, ad es. Carne di maiale con lo zenzero per circa quattro euro. Tutti i giorni. 18-5 orologio. Dalla metropolitana di Nakameguro, dirigersi a nord sullo Yamate-dori e, dopo il secondo incrocio, cercare un cartello che indichi il primo piano (tel 03/37 11 48 33). Ryn-Rey. Ti siedi di fronte a molti piatti, goditi tutto - bevande comprese da circa 30 euro a persona. Tutti i giorni. 17-24 orologio. Dalla metropolitana Omotesando, seguire la Aoyma-Dori fino all'edificio a spirale, girare a sinistra, dopo un piccolo incrocio, cercare l'insegna sulla destra e prendere l'ascensore per il quarto piano (tel 03/57 66 27 33). Nakame Takkyu Lounge. Una stanza enorme con angoli divano e un tavolo da ping-pong. Ingresso a circa 3 euro, racchette da 2 euro. Nascosto: dalla metropolitana di Nakameguro parallela ai binari sul fiume Meguro, proprio a Seven Eleven, prima di un bar sulla sinistra, svoltare a sinistra in un ingresso dell'edificio e suonare il 2 ° piano (Tel. 03/57 22 30 80) , Gengetsu. Nel quartiere dei party Roppongi, questo bellissimo bar è una vera oasi. Anche piccoli piatti. Dall'incrocio di Roppongi, dirigersi a nord verso Gaien-Higashi-dori, quindi la seconda a sinistra, il bar è sulla destra (tel 03/34 03 10 13). fast food. Veloce, buono, economico: zuppe di noodle, dim sum, tempura, sushi, hamburger - per circa tre euro puoi rafforzarti, per circa cinque euro sarai ben nutrito (es. Mos Burger, R Burger, Tenya Tempura). Consiglio extra: prima e dopo il mercato del pesce di Tsukiji. L'asta del tonno è alle cinque del mattino. Chi vuole passare: Non lontano dal mercato, nel quartiere esclusivo di Ginza, il bar "Bizarres" ha tempo fino alle quattro. Dopo l'asta, puoi mangiare sushi. Verso le nove, si apre il giardino Hama Rikyu e il tè verde in una casa da tè con dolci per 4,30 euro. Quindi guidare da Shinbashi quattro fermate per Akihabara e pisolino, in uno dei pochi hotel a capsule, dove le donne possono dormire (Bizarres, lun-ven 20-4 orologio, dalla metropolitana Higashi-Ginza al Kabuki -Za Theater, il secondo Piccola strada a sinistra, il bar è sulla terza curva a sinistra, Tel: 03/35 45 57 27, Capsule Inn Akihabara, 6-9 Akihabara, Taito-ku, Tokyo, Tel. 03/32 51 08 41, Fax 32 51 08 44, www.capsuleinn.com).

SHOPPING Ci sono così tanti centri commerciali a Tokyo che non puoi sfuggire comunque ai palazzi sfarzosi. Grande e nidificato: Roppongi Hills. Dieci piani di pietre luccicanti e vestiti in S e XS: Department Store 109 a Shibuya. Spettacolo della domenica: per le strade Omote-sando e Takeshita-dori. Molte boutique alla moda e negozi dell'usato: a Ebisu e Daikanyama. Cose semplici-belle come vestiti, forniture per ufficio, utensili da bagno: Muji (es. alla stazione Yurakucho, mensole Muji anche al Family Mart).

KYOTO

Ovunque nella città, specialmente intorno alla stazione, ci sono negozi che prestano ruote. Centrale, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, bicicletta al giorno circa 6,60 Euro: Muji Rent-a-cycle, Place Department Store, Karasuma-dori).

SOGGIORNO Molti hotel e ryokans a Kyoto chiudono le porte alle 23 o alle 24, chiedi al momento della prenotazione! Ryokan Watazen. Moderno ryokan dietro l'angolo di Kiyamachi-dori Fun Mile. DZ / F da 105 Euro (su Yanaginobaba Street, a sud di Rokkaku, Nakagyo-ku, Kyoto 604-8113, Tel. 075/223 01 11, Fax 223 01 12). Pensione Kotomu. Ben posizionato vicino al vivace quartiere Gion. Yasuyuki Hirai affitta due enormi stanze con ingressi privati ​​e servizi igienici privati. Servizio molto cordiale DZ / F 62 Euro (Chawanzaka, Higashiyama-ku, Kyoto 605-0846, Tel. 075/531 18 48, Fax 551 18 25). Matsuba Ya Ryokan. Centrale, piccola, familiare. DZ / F da 70 Euro (Kamijuzuyamachi-dori, Shimokyoku, Kyoto 600-8150, Tel. 075/351 37 27, Fax 351 35 05, www.matsubayainn.com). Hotel Nishiyama. 32 camere giapponesi con bagno e ampio bagno in comune con frontale in vetro. DZ / F da 124 Euro (Nijo-Sagaru, Gokomachi, Nakagyo-ku, Kyoto 604-0933, Tel. 075/222 11 66, Fax 231 35 58, www.ryokan-kyoto.com).

Suggerimento extra: International Community House. Fornisce visite alle famiglie giapponesi (Home Visit Program) con circa due giorni di anticipo. Mar-dom 9-21 (2-1 Torii-cho, Awataguchi, Sakyo-ku, Tel. 075/752 35 11, www.kcif.or.jp).

MANGIARE E BERE Oishinbo. Uno combina deliziose piccole cose, z. B. Gratin di zucca per € 4,50 (due isolati a sud di Shijo-dori, a est di Hanamikoji, Tel. 075/541 61 00, www.kyoto-oishinbo.com). Negiya Heikichi. Cucina aperta, molta azione. Specialità "Hot Pot", z. Con pollo o manzo e abbondante porro (sul Pontocho, tra Shijo-dori e Sanjodori, Tel. 075/256 88 08). Bon Bon Café. Vista sul fiume Kamo, panini 2-3 euro, insalate 3-5 euro (sulla Imadegawa-dori, a ovest del fiume, tel: 075/213 86 86). Pomme. Molto carino piccolo caffè su Philosophenweg, proveniente dal tempio Ginkakuji sul lato destro, nel mezzo. Torte fatte in casa Do-Mo e ogni altro martedì 11-18 orologio.

NIKKO

Chi viene qui a fine estate o in autunno non è solo, eccetto che: ti alzi molto presto e prendi il primo autobus alle 7 in punto sul lago Chuzenji. Scendete un po 'prima, dove la gondola decolla per il belvedere della cascata Kegon. E poi non stare in fila, puoi camminare fino al belvedere, da lì comodamente in un'ora a piedi verso il lago. E poi hai abbastanza tempo per continuare a fare il meno affollato Lago Yunoko, fare escursioni più lunghe o navigare attraverso il lago in barca.

SOGGIORNO Turtle Inn Nikko. Bella pensione ai margini di Nikko, a pochi passi dal santuario Toshogu. DZ / F da 67 Euro (2-16, Takumi-cho, Nikko, Tochigi pref. 321 14 33, Tel. 02 88/53 31 68, Fax 53 38 83, www.turtle-nikko.com). Hippari Dako. Cibo buono ed economico o navigare in Internet. Piatti principali 3-6 Euro. Tutti i giorni. 11-20 (sulla strada principale, poco prima del ponte sulla sinistra, tel 02 88/53 29 33).

MANGIARE E BERE Campana di caffè Sakuraya. Café / ristorante dietro l'angolo del Turtle Inn, che - tranne Nikko - è aperto fino alle 23.00 (a piedi dalla Turtle Inn verso la città, poi la seconda a sinistra, il caffè è sulla sinistra, tel 02 88/53 28 43).

HAKONE

Bagno Onsen a Hakone

Sentieri escursionistici, laghi, sorgenti termali, splendida vista sul famoso Monte Fuji e tutti a solo un'ora e mezza di guida da Tokyo? Hakone è giustamente popolare e di solito pieno. Ma c'è spazio e spazio sufficiente per godersi da una a tre giorni di relax qui.

SOGGIORNO Fuji Hakone Guest House. Il personale parla inglese, e ti mette volentieri in lista per i bagni caldi di Onsen (autobus n. 4 da Odawara o Yumoto a Senkyoro-mae (912 Sengokuhara Hakone, Kanagawa 250-0631, Tel. 04 60/84 65 77, Fax 465 78, www.fujihakone.com). Tenzan Notemburo. Un'oasi! Bagno onsen particolarmente bello. Uomini e donne separati, sala massaggi, ristorante. 8 Euro, tutti i giorni dalle 23:00 alle 23:00 (con il bus navetta di Yumoto, Tel. 04 60/641 26).

MANGIARE E BERE Irorichaya. Ristorante accogliente, a cinque minuti a piedi dalla Fuji Hakone Guest House (fino alla stazione degli autobus, proprio in fondo alla strada, il ristorante si trova sulla sinistra, ingresso non direttamente sulla strada). Ogni piatto arriva su un vassoio pieno di pentole con varie sciocchezze. Piatti principali a 15 Euro.

MATSUSHIMA

Sushi a Matsushima

SOGGIORNO Ostello della gioventù di Pila Matsushima Okumatsushima. Ostello della gioventù in una pineta. Biciclette. DZ / F (camera giapponese) 74 Euro (in treno fino a Nobiru, oltre il ponte e dritto fino a quando un cartello indica a destra, dopo poche centinaia di metri l'ostello si trova sulla destra, telefono 02 25/88 22 20, www.jyh .or.jp).

MANGIARE E BERE Matsushima Sushikou. Delicious Nigiri, sei pezzi circa sette euro. Lun-dom 11-21 orologio (di fronte al molo nella stradina, proprio dietro l'enoteca).

Turandot in Giappone - Nessun dorma (Massimiliano Pisapia) (Novembre 2019).


Giappone, Haruki Murakami, Tokyo, Auto, Ristorante, Bevande, Kyoto, Automata, Scoperta, Asta, Germania, Bill Murray, Deka Gestione degli investimenti, viaggi, Giappone, sushi, persone, Giappone, paesaggi