La mia vita come spirito

Ghostwriting è un po 'come la prostituzione, scrive Jennie Erdal: "In entrambi i casi ci si trova in posti piuttosto squallidi, la paga è negoziata in anticipo e dipende dai servizi concordati e da tutte le parti coinvolte, sia come cliente che come fornitore di servizi, deve aspettarsi reazioni negative ". Sarebbe possibile trovare un altro parallelo: a volte scivola nel lavoro solo così puro, anche se non volevi praticarlo affatto.

Non meglio di una prostituta comune.

"E 'iniziato in modo abbastanza innocuo: scrivere un discorso per lui, a volte una lettera di lavoro", dice Jen-nie Erdal, una donna amichevole e istruita di 56 anni, madre di tre figli cresciuti, che vive nella città universitaria scozzese di St. Andrews. , insieme al suo secondo marito David, in una grande casa con un giardino, dove il nipotino si sta divertendo allegramente. È molto difficile credere che questa donna sia stata anche certificata da uno dei suoi ex professori universitari che non era "migliore di una prostituta comune" in termini di acquisizione di denaro. E loro non conoscevano nemmeno l'intera storia.

Il lavoro come ghostwriter è iniziato con lettere d'amore

"Era solo un lavoro normale", afferma Jennie Erdal. "E 'diventato insolito solo quando ha preso tali proporzioni." Jennie Erdal ha lavorato per un uomo per quasi 20 anni, un editore londinese con radici palestinesi di nome Naim Attallah, che non era sconosciuto in Inghilterra negli anni '80: da un lato come uomo d'affari, ma soprattutto come ospite di feste stravaganti, e da eccentrico che chiamava pelle di tigre "Kaiser" era appeso sopra la sua scrivania, regalando un portachiavi rosa, che era spesso a forma di fallo, ad un paio di donne verdi, che aveva appositamente realizzato per questo scopo.

Naim Attalah

Ufficialmente, Jennie Erdal è stata impiegata dal 1981 alla fine del 2000 nella sua casa editrice, Quartet Books, come docente. In via ufficiosa, d'altra parte, ha scritto tutti i lavori in cui "Naim Attallah" è stato nominato autore: colonne di giornali su attrici o biancheria intima, diari di viaggio di paesi in cui non è mai stata, commenti sulla situazione in Medio Oriente, condoglianze, carte a suo figlio, due di Romanzi ben scritti e numerose lettere d'amore (il minimo dei quali a sua moglie), che lei digitò sul computer e l'Attallah poi scrissero a mano.

"Era sempre molto commosso dalle lettere d'amore", dice Jennie Erdal e ricorda come ha letto ad alta voce, con una voce tremante e una lacrima. Dei romanzi, d'altra parte, non gli piaceva il secondo, un'opera chiamata "Tara & Claire", non così speciale. "Pensava che non facessi la sua singola cosa abbastanza bene." Consisteva nello scrivere una scena di sesso in cui due cugini hanno simultaneamente un orgasmo a causa della loro connessione particolarmente telepatica, anche se fisicamente distanti. "È stata un'idea incredibilmente stupida", afferma Jennie Erdal. Nella sua angoscia ha fatto una specie di fantasia della pubertà. Naim Attallah era molto deluso, mentre Jennie era contenta che i critici non facessero saltare il libro in aria.

Quattro anni dopo aver lasciato, ha scritto un libro sulla sua vita di ghostwriter. In realtà, dice, inizialmente non intendeva scrivere un'autobiografia come prima opera con il suo nome. Ancora meno voleva fare il bucato sporco ed esporre il suo ex datore di lavoro. Quindi lei non menziona nemmeno il suo nome nel libro? è chiamato "Tigre" lì. "Tutto quello che sapevo era che volevo scrivere, ma non quello che ho fatto, ho iniziato varie idee nuove, ma non ero soddisfatto, e finalmente un amico mi ha detto che c'è solo una storia da raccontare."

C'è solo una storia da raccontare.

Jennie Erdal descrive come, madre di tre bambini piccoli, è felicissima quando ottiene il lavoro come docente di letteratura in lingua russa, anche con l'opportunità di lavorare da casa. "Alla fine ho pensato che non sarei mai stato in grado di leggere nient'altro che storie della buonanotte nella mia vita." Per un po 'lavora come docente. Fino a quando il suo capo non si mette in testa di rilasciare un volume di interviste con donne famose.

Attallah conduce ore di interviste a 289 donne, tra cui Kathleen Turner, Doris Lessing e Soraya Kashoggi. Jennie Erdal prepara le domande, mette insieme le risposte e scrive un'introduzione di 80 pagine. La loro collaborazione non è menzionata nel volume di 1200 pagine, ma il libro è un grande successo. Da allora in poi, è la sua ghostwriter per tutto, sia professionale che privata? "senza il termine 'ghostwriting', nemmeno pronunciato una volta", dice Jennie Erdal."Ad un certo punto ha detto che dovremmo evolvere e provare un romanzo".

Attallah ha dettato il rude atto (l'uomo sposato ha una relazione appassionata con un'altra donna) e Jennie sei settimane. Il romanzo, dice a ben vedere, non era ben fatto: i personaggi cliché, la storia debole, un puro lavoro commissionato senza un reale impulso. "Ma è, penso, in parte ben scritto." Ad ogni modo, le recensioni erano per lo più positive. "Sono stato molto sollevato per Naim", dice. "Ed era anche contento e mi chiamò da lontano allora: dicono che possiamo scrivere!"

Jennie Erdal

Jennie Erdal può indubbiamente scrivere, e la sua storia, "The Ghostwriter" ha ottenuto ottime recensioni in Inghilterra. Non scrive autocommiserazione o accusa sul suo lavoro, ma in un modo molto divertente e autoironico. E quando riferisce del suo lavoro insieme al suo capo nella sua casa per le vacanze, che comprende anche prendere il sole accanto alla piscina, sempre nudo su sua richiesta (il rapporto rimane comunque platonico), si sente ancora una certa compassione per il suo vecchio datore di lavoro. Da un lato interpreta questo ruolo come un maniaco del controllo, coinvolgente, ossessionato dal sesso e poco intelligente, ma anche generoso, caloroso e oltre ogni entusiasmo. "E gli ero molto grato per avermi dato un'ancora di salvezza in un momento molto difficile, che io sono ancora per lui."

Nel 1985, il suo matrimonio era fallito. All'improvviso lei era una madre single di tre, e aveva bisogno di più di quello che Attallah le aveva pagato. Che si è adornato con la sua creatività e che è stato invitato da altri ospiti alle feste in occasione dell'aspetto dei suoi libri, se li avesse letti (cosa che ha negato maggiormente)? No, non ha disturbato tutto questo, dice lei. "Sono stato un traduttore e un docente in precedenza, lavori sempre sullo sfondo di queste professioni e ho sempre desiderato essere presente."

Non gli importava cosa ci fosse. La cosa principale era che il suo nome fosse scritto correttamente.

Tuttavia, c'erano anche compiti difficili. Lettere d'amore ha scritto con riluttanza: "Non conoscevo la maggior parte delle persone, e le uniche istruzioni di Naim erano spesso solo per assicurarsi che la lettera fosse" amorevole "o" molto amorevole "." E a un certo punto dovrebbe scrivere un commento sull'aborto per un giornale, naturalmente dalla sua visione del mondo. Era? "era finalmente un buon cattolico"? rigorosamente e in ogni caso contro. Decise, tuttavia, di scrivere un commento abbastanza equilibrato. Alla fine, non importava, dal momento che Attallah non sapeva mai cosa "lui" avesse scritto sull'aborto: il giornale lo aveva scritto male nella battuta dell'autore, il che lo turbava così tanto da scagliare le pagine accartocciate nell'aereo prima di leggere. "In quel momento ho finalmente capito che non gli importava cosa ci fosse nel suo nome, la cosa principale era che il nome era scritto correttamente, e il mio compito era dargli delle opinioni che non aveva e esprimere sentimenti che non provava ".

La ragione del suo licenziamento dopo 19 anni è stata in definitiva la cattura assoluta del suo capo, che ha chiamato fino a 40 volte al giorno a casa sua, che il secondo marito di Jenny, David, in particolare, non voleva più aderire. Quando anche Naim Attallah voleva un altro romanzo da lei? questa volta il libro universale su Dio?

Dal ghostwriter ai tuoi libri

Naim Attallah era furioso con il libro delle rivelazioni di Jennie Erdal. Lui non le parla ancora oggi. Invece, ha portato fuori dopo la sua apparizione anche in nessun tempo altri quattro libri nel suo nome? tutte le memorie più o meno nascoste in cui Jennie Erdal non appare? per dimostrare che può scrivere senza il suo ghostwriter. I dubbi dubitano che i libri siano stati creati interamente senza aiuto, ma per il resto è educatamente silenzioso al riguardo. "Abbiamo passato quasi 20 anni insieme, ma siamo sempre stati estranei, ero solo la donna che ha tenuto una parte della sua vita in corso, proprio come la donna che si pulisce le orecchie e si taglia le unghie ". Senti ancora un "affetto residuo" per lui? anche perché alla fine l'ha costretta a fare ciò che ha sempre desiderato e mai osato fare prima: scrivere libri. Sotto il suo nome.

802 - Spirito di Dio riempi la mia Vita (Ottobre 2019).


Inghilterra, St. Andrew, computer, ghostwriter