Minorca: i consigli di viaggio per una vacanza da sogno nel Mediterraneo


Minorca: piccola isola con una grande anima

Da solo, sono seduto sui resti di un Talaiot di quasi 3000 anni, una torre di guardia fatta di blocchi di pietra ciclopicamente massicci. Mirto e rosmarino spuntano accanto a me, uccelli che chiacchierano tra ulivi selvatici. Sotto di me, in un quadrato scarsamente erboso, due monoliti a sgrossatura disposti a forma di T. Una specie di tavolo gigante, più del doppio delle mie dimensioni. Le colonne lo circondano come soldati.

I rituali eseguiti dagli antenati dei Menorcani in questo luogo sono ancora un mistero. Ma una cosa è chiara: non l'hai scelto per caso: una visione chiara, a miglia di distanza, sul mare. E il silenzio è più intenso per me che altrove. Non vorrei alzarmi affatto. Mi sento così lontano dal mondo.



Volevo solo dare un'occhiata a un po 'di programma obbligatorio qui in Oriente, pensando che i siti pre-Talaiot fossero principalmente per consigli di studio in pensione. Minorca, ti ho sottovalutato ancora una volta.

piacere del bagno Non solo a Cala Alcaufar vicino a Sant Lluis sud-est, l'acqua è così cristallina

© Selina Pfrüner

Non che io pensi molto alle Isole Baleari. Al contrario. Li adoro, queste isole nel Mediterraneo al largo della Spagna, a sole due ore di volo dalla Germania. Ibiza. Formentera. E soprattutto Maiorca. Ma la loro sorella Minorca, che è circa cinque volte più piccola, a 40 chilometri di distanza, come tante altre, me ne sono andata così lontano: sarà simile, solo nana e noiosa, ho pensato.



Che errore! Solo un giorno sono qui. E smetti di fare paragoni. Minorca ha il suo carattere. Niente ballerina. Meno turisti. Più silenzio Natura più incontaminata. E per molti aspetti unico.

Il sud è gentile, il nord selvaggio, nel mezzo un cuore verde

Quasi nessuna macchina mi incontra quando vedo il mio museo all'aperto incantato Talati? de Dalt, uno dei 32 (!) di questo tipo, parte e continua. Su 45 chilometri l'unica grande strada attraversa il cuore rurale dell'isola. E questo è sorprendentemente verde: un'ampia, dolcemente ondulata, attraversata da lunghi muri a secco. Tra Aleppokiefern e pinete, campi di grano, pascoli, prati fioriti nella corsa dei colori. Non ho mai visto un papavero rosso brillante nelle Isole Baleari, margherite giallo-tuorlo, fiordalisi blu così profondi. E tante mucche!

Mi giro verso strade ancora più tranquille, terra davanti a una fattoria che mi ricorda la Grecia - fresca imbiancata con persiane verdi, finestre a traliccio e cancelli di legno in legno di ulivo. Uno scudo rosso annuncia "Quesos de Maho? N". Ah! Il famoso formaggio di Minorca, dal nome della capitale. Se puoi semplicemente entrare?



"Piacere di averti lì", dice un uomo con una barba di tre giorni e kepi, due pagnotte di formaggio sotto il braccio. Viene con me al negozio, taglia generosamente campioni e si presenta in modo amichevole: Pedro Marques, casaro e contadino. Dove trovi un tale formaggio, tutto fatto con latte crudo, fatto a mano e con corteccia naturale a base di olio d'oliva, che è stata la nostra tradizione per secoli. " Delizioso, il cremoso "Semi curado" speziato e quasi come il parmigiano "Viejo" di un anno.

Gusti! Dal latte vaccino viene prodotto il formaggio Mahon piccante

© Selina Pfrüner

Per il gusto speciale Prenditi cura dell'aria di mare che inumidisce l'erba e le erbe con particelle di sale, afferma Pedro. Ma ora deve cercare il suo cavallo. E mi è permesso di andare al prato. Che animale! Nero pece, con mantello lucido e lunga criniera, impetuoso, pieno di vita. Una razza separata. "Noi menorquins li lasciamo danzare sulle zampe posteriori", afferma Pedro. Una volta all'anno, alle feste paesane tra giugno e settembre, sono le stelle. Pedro cavalcherà anche nel suo villaggio natale Es Mercadal e nella più grande festa, a Ciutadella.

Ciutadella sulla costa occidentale è l'ideale per passeggiare e fare shopping

Guido verso la costa occidentale e quando vengo a Ciutadella in questo giorno di maggio, non c'è alcun segno di trambusto. Per molta serenità e fascino del sud. Mi piace Ciutadella meglio della capitale Mao? dall'altra parte dell'isola. Anche se ha belle stradine e l'imponente porto, ma mi sembra molto più affollato. E inglese - l'eredità dell'occupazione britannica durante il 18 ° secolo.

A Ciutadella tutto si muove al rallentatore anche dopo la siesta.

Palazzi aristocratici decorati con stucchi si illuminano nel sole del tardo pomeriggio, case di città con balconi in ferro battuto, la cattedrale di arenaria color ocra. Uomini con grembiuli bianchi come la neve stuzzicano i coltelli nel vecchio mercato del pesce piastrellato di verde e bianco. Le sedie a sdraio e gli uomini d'affari delle donne si appoggiano sulle terrazze dei caffè nelle sedie da regista sotto i gelso.Mi siedo e prendo una pomada, un mix di gin di Minorca, ghiaccio tritato e limone spremuto.

E poi passeggiare in pace attraverso il centro storico senza auto. Un paradiso per lo shopping! Quasi nessuna catena, quasi nessun grande magazzino, ma boutique piuttosto decorate e altri piccoli negozi. E negozi di scarpe ad ogni angolo, gli scaffali pieni di "Avarcas": i sandali classici per eccellenza, precedentemente realizzati con pneumatici in gomma laminati piatti con due strisce di pelle, oggi in innumerevoli varianti. In colori vivaci, con glitter e tacco a zeppa alta, con motivo a tigre, pelle di vacchetta ... E lì, nella vetrina del negozio: le iconiche "Pretty Ballerinas", la Kate Moss, Claudia Schiffer e Letizia, la regina spagnola, così felice di indossare, accanto a nobili pompe e Frizioni. "In Ferreries ci sono le fabbriche di scarpe, ognuna ha il suo negozio accanto", sussurra un commesso. Ci devo andare!

rilassato Nelle strade di Ciutadella non c'è traccia di frenesia

© Selina Pfrüner

Le tre ore nel villaggio di scarpe A quasi 30 chilometri di distanza nell'interno dell'isola, lo confesso, gli unici in cui divento frenetico a Minorca. Così grande la selezione, prezzi relativamente bassi. Alla fine compro da solo al Mascaro? quattro paia. Il tacco alto con il velluto zebrato lascerò immediatamente, almeno fino alla macchina. "Un po 'di glamour potrebbe già essere", dice U? Rsula Mascaro? e sorride.

Li ho incontrati in un tour della fabbrica, che tutti possono visitare. Lei e sua sorella Lina sono i capi dell'azienda di famiglia centenaria, con 500 dipendenti. Più di mezzo milione di paia delle loro "Pretty Ballerinas" e dei due marchi Mascaro ™ sono venduti in tutto il mondo ogni anno.

La designer, che ha viaggiato molto e che indossa sempre gli occhiali da calcio del padre defunto, non potrebbe mai vivere e produrre altrove che a Minorca. "Adoro la mia isola, ed è una fortuna che abbiamo la nostra economia oltre al turismo, e questo perché ci rende meno dipendenti di Maiorca."

"Non vogliamo vendere la nostra anima, preservare e proteggere la casa è più importante dei grandi soldi".

Molto simpatico, questi menorquins. Ce ne sono poco meno di 95.000 e la maggior parte parla Menorquin, un dialetto catalano. Consapevolmente, mentre mantengono le loro tradizioni, in modo che nulla sia perso.

Bravo! Minorca è per metà protetta

Oggi trovano una benedizione che Menorca sia stata successivamente aperta come loro sorelle delle Baleari. Così hanno potuto imparare dai propri errori e hanno deciso in anticipo: metà dell'isola è sotto tutela, nessun nuovo hotel può essere più alto di tre piani ed è costruito a una distanza ragionevole dalla spiaggia. Una missione che ha nobilitato anche l'Unesco. Per 25 anni, Minorca è stata intitolata Riserva della Biosfera: un paesaggio modello per lo sviluppo sostenibile dell'uomo e della natura.

Creata la scrittrice ChroniquesDuVasteMonde Nicole Schmidt dopo un tour in kayak nel parco naturale Es Grau

© Selina Pfrüner

Cammino attraverso l'enorme burrone Barranc d'Algendar non lontano da Ferreries, dove l'acqua scorre tutto l'anno e si sente in tutto il lusso di Alice nel Paese delle Meraviglie. Dal paesaggio lagunare "Es Grau" ad est, mi muovo in canoa sul mare in una mini-isola, dove vivono lucertole nere. E presto, come la gente del posto, allungo il dito in aria quando voglio andare in spiaggia. Se il vento di Tramuntana soffia da nord, significa: piuttosto verso sud. Perché piccola come l'isola - lunga quasi 50 chilometri e larga al massimo 20 - ha due lati completamente diversi. Nell'incantevole sud si trovano baie riparate, per lo più piccole, ma incantevoli. Li ho visti quasi tutti. Se dovessi decidere, sceglierei la Cala Macarelletta: sabbia profonda, bianco polvere, acqua scintillante turchese, incorniciata da scogliere e pini profumati.

Ma oggi mi sento più come la selvaggia, aspra e sterile costa nord, solo perché la Tramuntana soffia potentemente. Guido su una strada sterrata fino a Cap de Cavalleria con il suo faro bianco, la punta più esterna di Minorca. Un posto pazzo e irreale. Quasi verticalmente, spoglie pareti di roccia carsica si tuffano nel mare. Mi rinforzo contro il vento, mi fermo sul bordo della scogliera. In basso, nelle profondità, onde alte e frustate scorgono scogliere quasi nere. E nessuno qui. Minorca, mi hai completamente convinto.

Suggerimenti di Nicoles per Minorca

HOTEL a Minorca

Zafiro Minorca, Felicità della famiglia nel residence hotel appena rinnovato sulla punta sud-occidentale: è come un piccolo villaggio, con una nave pirata nella piscina per bambini, miniclub e impianti sportivi. La spiaggia è a 20 minuti a piedi, l'autobus per Ciutadella (8 miglia) si ferma quasi alla porta. Appartamento da 93 Euro (Cala? N Bosch, C / Levante, Tel. 971/38 78 43, www.zafirohotels.com).

Petit Mao?, Nel suo city hotel con 6 camere a Mao? Jorge Truyol ha combinato armoniosamente una varietà di mobili: un divano a onde su un tappeto a rombo, una mensola in legno organico di fronte a una sobria sedia in alluminio ...Il cortile con mini-piscina si rilassa dopo una passeggiata a Maho? N. DZ / F da 85 Euro (Mao?, C / Infanta 17, Tel. 661/02 02 54, www.hotelpetitmao.com).

Biniarroca, Un rifugio da sogno che era una fattoria di mucche. Lussuosamente arredato con mobili vintage, il lussureggiante giardino con due piscine, ninfe e pareti ricoperte di edera e anche un buon ristorante. DZ / F da 90 Euro (Sant Llui? S, Cami? Vell 57, Tel. 971/15 00 59, www.biniarroca.com).

Morvedra Nou, Un tranquillo hotel Finca tra le antiche mura dieci chilometri a nord dell'incantevole spiaggia di Macarella. Nelle camere in stile rustico con colori tenui, pareti in pietra a vista e travi in ​​legno, nel giardino zone ombreggiate intorno alla piscina. DZ / F da 125 Euro (Ciutadella, Cami? Sant Joan de Missa km 7, Tel. 971/35 95 21, www.morvedranou.es).

Molto britannico Nella capitale dell'isola, Mao, vetrate e ampie scale ricordano gli ex occupanti

© Selina Pfrüner

RISTORANTI a Minorca

Pins46. Gastro-bar rilassato in una casa a schiera con un tocco coloniale e un bellissimo patio. Nel menu sono presenti tapas moderne come crocchette di gamberi con wasoli aioli; Menu giornaliero 22 Euro (Ciutadella, Plac? A dels Pins 46, www.pins46.com).

Cafe? balear, La sera sulla terrazza dell'antico porto peschereccio di Ciutadella: romantico! Il carpaccio di pesce spada con avocado (€ 10) è super fresco (Ciutadella, Passeig es Pla de Sant Joan, 15, Tel. 971/38 00 05, www.cafebalear.com).

Restaurante La Minerva, Circondato dal mare, ti siedi su una terrazza sul pontone, guardi il porto della capitale e ad esempio assaggi deliziosi stufati di pesce e aragosta (21 euro) (Mao ?, C /. Moll de Llevant 87, Tel. 971 / 35 19 95, www.restaurantelaminerva.es).

Rias Baixas, In questo ristorante di pesce rustico e accogliente ho mangiato per la prima volta anemoni di mare di Minorca al forno (16 euro). Genial! (Ferreries, Plac? A Menorca1, Tel. 971/37 45 58, www.riasbaixasmenorca.es)

Cova d? En Xoroi. Inoltre non dimentico mai il tramonto in questo disco bar in un intricato sistema di grotte nelle scogliere! 10 Euro incl. Bevande fino al tramonto (Cala en Porter, C / de Sa Cova 2, www.covadenxoroi.com).

S? Engolidor, Domenica a pranzo in un'accogliente casa colonica con un cortile accogliente: i tavoli pieni di famiglie minorchine, che come me ordinano il menu per 20 Euro - soufflé di formaggio?, Zucchine ripiene con salsa di spinaci, torta di mandorle (Es Mignorn C / Major 3, Tel. 971 / 37 01 93, www.sengolidor.es).

ESPERIENZA a Minorca

formaggio Maho? N, Presso la fattoria di libri illustrati Binillubet (Es Mercadal, www.ncabinillubet.com) è possibile acquistare formaggi e vedere come viene prodotto. Visita guidata da due persone per 8 euro con degustazione. Queste e altre offerte possono essere prenotate tramite la cooperativa degli agricoltori "Farmers Way" (Tel. 649/98 89 10, www.farmersandco.es).

scarpe, Ci sono diverse fabbriche da visitare a Ferreries e tutte hanno negozi di buon valore, come ad esempio Mascaro?, Di.?Fr. 11.00 Visite guidate gratuite (contattare Olivia Palermo, Tel. 609/66 15 09, Ferreries, C / Passeig de Filadores 9, www.mascaro.com); o RIA, dove si trascura la produzione di "Avarcas" da una galleria (Ferreries, C / de Trencadors 25, www.ria.es).

Corre! I classici sandali "Avarcas" sono il souvenir perfetto

© Selina Pfrüner

Cantera de Lithica, Una passeggiata tortuosa attraverso le cave abbandonate di Mare, disposte come un parco labirintico. In esso, giardini magici e strutture in pietra come un tempio deserto o un antico cimitero. Il tramonto più bello! Ingresso 5 euro (Ciutadella, Cami de ses Arenes de Baix km 1, www.lithica.es).

barca con fondo di vetro, Vale la pena visitare il porto naturale di Mao ?, il più grande del Mediterraneo: lungo bagni rosa, ville britanniche, antiche fortezze e isole di quarantena. Biglietto 12 Euro (Mao?, Porto, www.rutasmaritimasdelacruz.com).

kayak Tour, Lungo la costa rocciosa del Parco Naturale S? Albufera des Grau. E come incoronazione la riva parte sull'isoletta disabitata di Illa d'En Colom. Nessun uomo, nessun modo, solo tre gabbiani qui. Visita guidata 35 euro (Es Grau, Tel. 669/09 79 77, menorcaenkayak.com).

Cami? de Cavalls, Una volta intorno all'isola e quasi sempre lungo la costa: sul "Sentiero dei Cavalli" i cavalieri erano già alla ricerca di nemici nel Medioevo. Oggi è rinato come un sentiero ben segnalato. 185 chilometri in 13 tappe, accesso ovunque, anche a cavallo o in mountain bike (www.camidecavalls360.com).

SPIAGGE a Minorca

Quasi 100 strade Ci sono Minorca, principalmente nel sud, con sabbia fine, da dorata a bianca e acqua turchese. Nessuno è intonacato, ma tre centri balneari tipici ci sono: Platja Son Bou, lungo quasi tre chilometri, con tutti i comfort e la maggior parte degli hotel. Cala Galdana, nonostante alcune grandi scatole, una baia da sogno. E intorno alle spiagge a misura di bambino Cala? N Bosch e Son Xoriguer con marina, appartamenti, negozi e bar?

Spiagge nel sud-ovest, Ho navigato a bordo del "Liber Mare" verso le più belle baie naturali - per me, i Caraibi di Minorca. Sul podio del vincitore, ho messo il Cala Trebalu gerche Cala Macarelleta e il Cala Turqueta, Lì Skipper ancora Danny. Acqua più limpida, ottima per lo snorkeling (attrezzatura fornita), tour: 40 euro con bevande (punto di incontro nel porto di Cala Galdana, sbarco n. 73, di fronte al "Alaska bar", Tel. 636/07 18 07, www.libermare. com).

prendere il sole Una delle spiagge più belle del sud-ovest è Cala Turqueta

© Selina Pfrüner

Spiagge del nord, Sono più selvaggi, più scuri e soli. Proprio così Cala Pilar - largo, con sabbia rossastra e attorno ad essa roccia marrone cioccolato, su cui giacciono rigogliosi cespugli verdi. Il mare cambia da smeraldo a azzurro. Nessun servizio, quindi portatevi dietro provviste (da Mao? La strada principale dell'isola al km 34, direzione Cala Pilar, dal parcheggio a piedi 20 minuti attraverso la pineta). O il Cala Pregonda: ancora più colorato, con rocce che sporgono dal vento e dal mare, riparato da una collina e ripide scogliere. E dietro di esso un paesaggio di dune sfocate (dal parcheggio della spiaggia di Binimel.la? Mezz'ora su sentieri di pietra e fango a piedi).

Buono a sapersi

La più bella è l'isola al suo apice da inizio maggio a fine giugno. Attenzione: a luglio e agosto sarà pieno sulle spiagge, soprattutto a sud; questo cambia in contrasto con Maiorca ma improvvisamente a settembre; Puoi nuotare comodamente fino alla fine di ottobre.

LEGGI

Marco Polo, Ottimi consigli da esperto, con app per tour e servizio di aggiornamento (12,99 euro).

TELEFONO

Il prefisso della Spagna è 00 43.


Le Guide di PaesiOnLine - Minorca (Agosto 2020).



Isole Baleari, Isole Baleari, Maiorca