Vivere sogni della vita: "Abbiamo sempre una scelta!"

ChroniquesDuVasteMonde.com: Mr. Diesbrock, tu dici che la schiavitù non viene sempre dall'esterno, ma molte persone incosciamente impostano i propri limiti.

Tom Diesbrock: Sì, la più grande limitazione non è riconoscere quali opzioni ho. Molte persone vogliono cambiare la loro vita e non vedono cosa possono fare.

Come mai?

La libertà spaventa molte persone perché si sentono minacciate dalla diversità delle loro possibilità. Non appena riconosco una possibilità di cambiamento, devo affrontarlo e poi decidere come voglio agire. Questo potrebbe cambiare la mia visione del mondo. D'altra parte, è più facile sentirsi a proprio agio nel suo destino come una povera scrofa e inveire. Dopotutto, non posso farci niente - quanto pratico! Ma poi pago un prezzo alto per mia convenienza.



Come posso sapere se sono a modo mio?

Due sintomi: in primo luogo, trascorro molto tempo a giustificare il motivo per cui non posso cambiare la mia situazione. Alcuni lo rendono quasi un lavoro a tempo pieno per spiegare agli altri che non c'è altro modo. Quindi, se continuo a trovarmi a raccogliere argomentazioni apparentemente ragionevoli contro la mia idea, dovrei ascoltare. Quindi qualcosa non va. Ci sono sempre possibilità, abbiamo sempre una scelta!

E il secondo punto?

Sento di essere insoddisfatto, ma non divento attivo. L'insoddisfazione è un motore molto importante se lo utilizziamo in modo creativo. Per questo devo consentire questa intuizione, ma in primo luogo: Sì, sono insoddisfatto. Questo è il primo passo importante.



Solo la volontà fa la differenza?

La volontà e una dose di coraggio, ma questo appartiene insieme.

Come posso superare in astuzia il mio sconforto?

Non devi superare in astuzia te stesso. Se hai paura del cambiamento - meraviglioso! È meno costruttivo non notare nemmeno la paura e nascondere le possibilità fin dall'inizio. Certo, se voglio cantare, posso dire: non posso, non posso. Allora è tutto, ma posso anche dire: mi piacerebbe cantare, ma ne ho anche paura. Poi realizzo la mia ambivalenza interiore e sono un passo avanti. Posso chiedermi: di cosa sono esattamente spaventato? Qual è la cosa peggiore che può accadere? Quanto è realistico?

E poi?

Quindi posso pensare alle alternative. Per rimanere a cantare: quando ho paura di essere deriso, posso iniziare a casa dove nessuno può sentirmi. O prendo lezioni di canto. Se alla fine avessi un pubblico è irrilevante, perché sono sulla strada giusta.



La via è l'obiettivo?

Esattamente. Anche se al mio canto non piacciono i primi ascoltatori, almeno cantavo. È importante fare piccoli passi che puoi padroneggiare. Piccole esperienze di successo danno coraggio per ulteriori passi. Chi nel nostro esempio ha le stesse sale da concerto complete, non inizierà nemmeno.

Ma non è forse troppo tardi per alcuni cambiamenti?

Se voglio diventare un astronauta a metà degli anni quaranta, probabilmente non funzionerà. Poi devo chiedermi cosa mi affascina di più della professione. Astronomia? La tecnologia? Posso anche occuparmi di questo senza dover volare dritto nello spazio. Questa è la domanda cruciale: è forse un numero più piccolo? Posso realizzare una parte del sogno? La libertà è piccola. Posso cercare molti piccoli limiti nella vita di tutti i giorni, che vorrei espandere.


Altro da Tom Diesbrock a //tomdiesbrock.de

La Decisione (Monologo di Walter Benenti, letto da Valentina Benenti) (Gennaio 2020).



Tom Diesbrock, sogno per tutta la vita, Diesbrock, intervista, libertà, coercizione, autorealizzazione, coraggio, cambiamento, cambiamento, sogno della vita