Karl Lagerfeld: il femminismo in passerella

"Ladies First", "We is match the macho", "Be your own stylist", "La storia è la sua storia", "Be different"? Questi slogan sono stati ascoltati oggi alla settimana della moda di Parigi. Ma non per i manifestanti che si lamentano del circo della moda, ma durante la sfilata di moda di Chanel? in passerella.

Karl Lagerfeld, tuttofare, come sempre, ha inventato qualcosa di molto speciale per la sfilata Chanel della maison. Ogni stagione, mette l'industria della moda non solo per i suoi progetti, ma anche per le sue produzioni di spettacoli entusiasti: "Bravo!", "Come è tornato ad esso?!", "Melting iceberg!", "Una sfilata di moda come galleria d'arte!" , "Un supermercato Chanel!", "È imbattibile!" Lagerfeld gestisce ogni stagione per sorprendere il settore con una nuova ondata di cervelli.

Durante le sfilate Primavera / Estate 2015 della Paris Fashion Week, è stata una sfilata di moda su una strada allestita artificialmente che si è conclusa con una dimostrazione di femminismo. I modelli portavano cartelli e striscioni con slogan femministi sulla passerella, urlando slogan e alzando i pugni. Nel mezzo di un singolo uomo? La musa ispiratrice di Karl Lagerfeld, Baptiste Giabiconi, recante un cartello che recita "He for She", un'allusione alla campagna femminista di Emma Watson.

Lo stilista straordinario, nonostante i suoi 80 anni, è riuscito ancora una volta a colpire lo zeitgeist. Il femminismo non è solo una parola d'ordine, ma una moda passeggera? un fenomeno di massa, ma allo stesso tempo chic e "in voga".



La sfilata di Chanel a Parigi diventa un corteo femminista (Settembre 2022).



Karl Lagerfeld, Catwalk, Femminismo, Paris Fashion Week, Chanel, Fashion Week, Chanel Fashion Show, Chanel Primavera Estate 2015, Femminismo passerella, Dimostrazione