Mi concederò a questo: comprare il lusso


Bellissimi prodotti di bellezza di lusso

Lusso ...

... è sempre ciò che non ti serve per vivere, ma per qualche motivo vorrebbe: qualche decennio fa era ancora la TV o la tua lavatrice. Nel 17 ° secolo, i bulbi dei tulipani erano oggetti costosi del desiderio. Oggi, la parola lusso è più incentrata sul safari di 30 giorni in volo attraverso l'Africa meridionale, un motor yacht o persino la propria squadra di calcio, che i miliardari amano permettersi. Le persone nei paesi più poveri hanno un'idea del lusso molto diversa da quella dei paesi sviluppati.

E le celebrità che possono permettersi ogni lusso nel mondo dichiarano sempre che il lusso è un fine settimana con i bambini, a volte leggendo un buon libro nella vasca da bagno indisturbato o gustando la zuppa di pollo fatta in casa della nonna. Anche se parliamo solo di marchi che sono generalmente riconosciuti come il lusso, le cose si complicano abbastanza: chi afferma che la crema della società X è di buona qualità e quella della società Y di lusso, per la quale otteniamo anche 50 volte il prezzo pagare? Lusso, cosa dovrebbe essere? Molte domande - e alcune risposte da persone che hanno familiarità con esso.



La giovenca dello champagne

Se qualcuno deve sapere dalla propria esperienza cosa sia il lusso - allora l'ereditiera di una famosa dinastia di champagne. "Nella nostra famiglia ci siamo sempre specializzati nel lusso", conferma ChroniquesDuVasteMonde Taittinger, quando riceve nel suo vecchio appartamento parigino, e questo significa affari puramente. Nel 1932, suo nonno fondò "Taittinger Champagne" acquisendo una casa di champagne a Reims che già allora era ricca di tradizione. Suo padre e suo zio ampliarono il business: da allora, il gruppo Taittinger comprendeva anche hotel di lusso come il "Crillon" a Parigi, la lussuosa fabbrica di vetro Baccarat e la piccola profumeria di lusso Annick Goutal, il cui presidente ChroniquesDuVasteMonde Taittinger divenne all'inizio degli anni '90.

Questo è ancora il caso oggi, anche se nel 2005 la sua famiglia ha venduto gran parte del Gruppo Taittinger a una società di investimento americana. Solo lo champagne è ancora di proprietà della famiglia, poiché il cugino di ChroniquesDuVasteMondes Pierre-Emmanuel ha subito riacquistato la divisione. Signora Taittinger, cosa rende un prodotto un lusso? "Il lusso è nei dettagli", dice la francese, senza esitazione. "Una bottiglia di profumo che era ancora dipinta a mano con oro, una speciale chiusura finemente lavorata - queste sono piccole cose che fanno la differenza tra un buon prodotto e un prodotto di lusso.

In secondo luogo, è il servizio. Servizio significa fare tutto il possibile affinché il cliente prenda la decisione giusta per lui. Il cliente ha bisogno di ottenere il miglior consiglio possibile nel negozio senza sentire di dover comprare qualcosa. "Ma ciò richiede un controllo assoluto su dove acquistare il prodotto:" Se vuoi distruggere un marchio di lusso molto rapidamente, prova Aumentano rapidamente le vendite e li offrono ovunque. Il lusso non può esistere ovunque. "E che dire di ChroniquesDuVasteMonde Taittinger, la donna che ha tutto, un lusso molto personale? Ancora una volta, non esita:" La libertà di prendere le mie decisioni ".



Il ricercatore di tendenze

Inga Nandzik lavora come ricercatrice di tendenze nell'agenzia di ricerche di mercato di Amburgo "Sturm und Drang". Esamina - come descrizione del suo lavoro - soprattutto "l'interfaccia tra cultura, persone e mercato".

Mrs Nandzik, cos'è il lusso? "Il lusso è un termine culturalmente influenzato che ha un suono diverso in Francia, per esempio, che in Germania: in Francia, combina divertimento, coccole, per esempio, un elegante pasto di cinque portate. Perfezione artigiana desiderata, valori duraturi, capacità ingegneristiche, lusso dovrebbero essere buoni per qualcosa. " Non per niente, dice la signora Nandzik, le auto in Germania sono quindi tra le merci per cui viene speso un sacco di soldi. Certamente, pochissime persone che possiedono un SUV guidano ogni giorno su ripide cime di fango - "ma puoi sempre dire Anche se è un'auto di lusso, ma può anche essere qualcosa di pratico ".



Acquisto di lusso in Germania: ho fatto qualcosa

In breve, anche quando si parla di lusso, noi tedeschi non attribuiamo importanza alla decadenza e all'opulenza, ma piuttosto agli scaffali con serietà protestante. "In America, i prodotti di lusso sono acquistati principalmente per dimostrare la stravaganza e l'eccezionalità della persona esterna." In Germania, l'idea è più importante: ho fatto qualcosa, mi premio per questo, e forse anche questo acquisto mi aiuta. per ottenere ancora di più. "

Il campo della bellezza non fa eccezione, specialmente quando si tratta dell'area della cura della pelle: l'idea delle prestazioni è in primo piano."La donna che compra una crema per oltre 100 euro qui lo fa perché vuole il miglior risultato per se stessa e per la sua pelle, mentre la francese lo compra solo quando l'esperienza è giusta, ad esempio perché il prodotto ha un buon profumo, sembra carino e si sente bene. "

L'economista

Klaus Heine è uno dei primi ricercatori di lusso in Germania: come ricercatore associato presso il dipartimento marketing della TU di Berlino, si occupa di marchi costosi e, ancora più interessanti, con i loro consumatori. Mr. Heine, cos'è il lusso?

"Distinguiamo tre tipi di lusso: il primo, il lusso intangibile, che è il momento per una tazza di tè, e il secondo, i beni di lusso in sé, che includono cose come le attrezzature da golf". E in terzo luogo, ci sono prodotti di lusso - i migliori (cioè i più costosi) prodotti in una categoria. Per scoprire perché alcune persone preferiscono indossare Prada invece di Zara o preferire Hermès H & M, Heine ha intervistato 31 milionari sulle loro abitudini di acquisto e abitudini di consumo. Un pregiudizio popolare potrebbe essere smentito subito: i marchi di lusso non sono affatto comprati per mostrare agli altri che possono permetterselo. "L'80 per cento dei milionari era più interessato a un eufemismo", afferma Heine.

No show con i loghi, invece era anche piuttosto volte il nome del modello sul bagagliaio della macchina rimossa perché la dimensione del motore era imbarazzante. La gente, dice Heine, non vuole comprare - o almeno non solo - uno status visibile con marchi di lusso, ma qualcosa di molto diverso: la personalità. Rispettivamente "qualcosa che enfatizza la propria personalità".

Gli acquirenti attribuivano caratteristiche piuttosto sofisticate ai marchi che prediligevano: Hugo Boss era percepito come sportivo, dinamico e assertivo, Gucci era elitario, stravagante e inavvicinabile, e il marchio Louis Vuitton non era affatto un uomo ma una donna colta tra 50 e 60. Il marchio è stato acquistato, il che era simpatico per uno e ha sottolineato come si voleva agire sugli altri. E i cosmetici che quasi nessuno in bagno vede? Nessuno se ne accorse immediatamente, se la crema fosse davvero promessa, ringiovanita e abbellita, l'azienda deve convincere il cliente ma in anticipo in qualche modo della loro buona qualità, dice Heine.

Tra le altre cose, il prezzo aiuta: "Più un prodotto è costoso, meglio deve essere - questa convinzione è saldamente ancorata nella nostra azienda". E forse giustamente, dato che qui c'è una reputazione da perdere: "Il marketing gioca un ruolo cruciale nei prodotti di lusso, ovviamente, ma se la qualità del prodotto non è buona, l'acquirente lo noterà molto rapidamente", spiega l'economista. "Se un marchio di lusso salverebbe solo quello, sarebbe piuttosto stupida."

Best of 2017 [Beauty Edition] (Agosto 2020).



Lusso, Germania, Francia, auto, Africa, Parigi, cosmetici, Hennes e Mauritz, Hugo Boss, lusso, prodotti, opinioni