Vacanze sull'Alm: perché Schuften paga

Chiunque si iscriva al lavoro agricolo in Tirolo fa quello che sta succedendo. Johanna Stöckl ha contribuito a tagliare e impilare la legna da ardere. Piantando piantine di alberi, si voltò anche per la vista da un'altezza di 1200 metri.

© Julia Rotter

Alle otto mi iscrivo per la prima volta al servizio. La contadina Anna, 67 anni, mi saluta con una tazza di caffè, la contadina Alfred, 66 anni, con un brandy di albicocche, di gran lunga Knecht Zoran. Il serbo ha sostenuto i Kirchmairs per dieci anni durante i mesi estivi sui pascoli alpini a 1200 metri di altitudine nella Zillertal in Tirolo - e mi guarda scettico. Zoran probabilmente dubita della mia idoneità. Lo dimostrerò che ha torto!

Normalmente i vacanzieri fanno escursioni in una regione montana così bella. I prati sono verde lussureggiante, le cime innevate della Zillertal tremila all'orizzonte brillano al sole. Per me oggi la lavorazione del legno è attiva. Con una sega circolare inclinabile, tagliamo tronchi e rami spessi in pezzi delle dimensioni di un camino. Ciò significa: Anna sega, sto trascinando, stack di Zoran. lavoro concentrazione. Dopo un'ora mi sono lasciato alle spalle, dopo un'ora e mezza c'è la prima pausa, oltre a pane e tante risate. Anna e Alfred sembrano essere davvero felici che io sia qui. Adatto, sono felice anche io.

La sera, le mie mani sono nere come la pece e incollate con la resina. Quando sono mai stato così sporco? I guanti da lavoro, che Anna voleva prestarmi, non mi andavano bene. Ma il suo trucco per la pulizia funziona alla grande: uno scrub fatto in casa con segatura e sapone.

Alle otto e mezza, cado nel letto in una piccola stanza, dove tutto è fatto di legno dal pavimento al soffitto. Mi è piaciuta la giornata perché abbiamo accumulato un bel stack. Mi piace anche il lavoro fisico, la restrizione all'essenziale, mangiare e parlare. E mi piace il silenzio davanti alla finestra aperta.

Alle sei e mezza sono l'ultimo ad alzarmi. Alfred è sveglio dalle tre in punto, da tempo munge le sue dieci mucche. Anna e Zoran hanno ripulito la stalla alle cinque. Mentre a colazione ho ancora del delizioso pane fatto in casa con burro e miele, il silo di latte della valle sta già raccogliendo il latte fresco.

Alfred lancia il suo trattore, la variante fuoristrada di un camioncino. Sono seduto sul letto del camion. Zoran guida il trattore in cui è seduta Anna con la sua pala: sembra più strana di quanto non lo sia per Anna. Ieri sera ha detto che il appartato Bergbauernhof nella Zillertal era esattamente il suo posto e che non le era mai mancato viaggiare. "Il mondo sta arrivando da me", ha detto, "in estate, i volontari delle grandi città lavorano qui, portando vento fresco a noi". Anna probabilmente non ha paura di perdere nulla, è quello che voglio prendere da lei.

Lentamente ci stringiamo tra le serpentine fino a un pendio sulla montagna. Il piano per oggi: piantare piantine di abete rosso e larice. Dovrebbero proteggere i pendii dall'erosione. Il forestale ha consegnato 450 pezzi. 450 pezzi per quattro? Tra un giorno? Mai nella vita!

Hai bisogno di una buona posizione e un sacco di slancio, in modo che il piccone trapani abbastanza in profondità nel terreno duro. Fino a quando non ho spalancato un buco utilizzabile, sono senza fiato. Metti la piantina, premi il terreno e premi con decisione. Una vera fatica. Sudo, maledico, gemo. Allo stesso tempo, mi sento bene quando mi inginocchio e faccio un lavoro che mi sembra significativo e sostenibile. Gli alberi che piantiamo avranno probabilmente più di 100 anni. Sopravviveranno tutti noi.

Ho problemi a tenere il passo fino a mezzogiorno alle dodici. Il fatto che non mi arrenda nemmeno dopo aver mangiato è dovuto al riconoscimento che sento: Zoran mi offre una sigaretta durante una pausa, Alfred annuisce benevolmente quando i nostri occhi si incrociano. Provo gratitudine e sono orgoglioso della carezza sulla spalla dopo il turno. Bene, in realtà abbiamo piantato 450 piantine. Con un misto di orgoglio e sentimentalità, guardo il pendio prima di tornare tutti insieme all'Alm.

La mia conclusione: per il mio lavoro, ottengo molto più del buon cibo e di un letto: aria pulita, molto esercizio fisico, sonno profondo e, soprattutto, originalità.

Come ottenere i lavori di volontariato?

La Maschinenring Tirol, un'associazione di aziende agricole, agisce come mediatore di posti di lavoro. Il progetto si chiama "Freiwillig am Bauernhof" e sostiene le famiglie di agricoltori di montagna nel Nord e nel Tirolo orientale. Chiunque lavori volontariamente - raccolta del fieno, stalla, lavori domestici o in cucina o assistenza all'infanzia - ottiene vitto e alloggio. In media, i volontari trascorrono due settimane in cortile, sono possibili soggiorni più brevi e più lunghi. Registrazione online: www.maschinenring.at, nel modulo di ricerca inserire "volontariamente", quindi il "modulo di contatto volontari" (Wilhelm-Greil-Straße 9, A-6020 Innsbruck, Tel. 00 43/590 60/700 90).

Puoi farlo?

Non aver paura delle richieste eccessive! Fai ciò che già sai o sei pronto per imparare. Tuttavia, ci si aspetta che i volontari non solo guardino ma vengano coinvolti.

Cosa dovresti portare?

Coloro che non vogliono infilarsi nei guanti da lavoro usati devono indossare guanti resistenti. Calzature robuste (scarponcini da montagna o da trekking) sono obbligatorie, il copricapo è utile. Abiti pratici sono pantaloni da lavoro (da 20 euro nel negozio di ferramenta) e un gilet in pile senza maniche. Buono anche: grembiule da cucina, comode pantofole, giacca antipioggia. Se aiuti con la fienagione, sei libero in caso di maltempo e puoi usare il tempo per esplorare l'area, quindi vale la pena imballare una mappa dell'area di applicazione.

2013-08-18 (P2of2) A Prayer for All Future Prophets (Novembre 2019).


Alm, vacanze, Tirolo, Zillertal, vacanze sull'Alm