Storia del profumo: dal cielo alla fragranza del designer

Antichi maestri nella profumeria, nel trucco, nelle imbalsamazioni e negli unguenti erano gli egiziani.

In principio era il fuoco - perché la storia del profumo inizia con le nuvole di fumo e fumo che salgono verso il cielo. Attraverso il fumo (latino: per = attraverso, fumum = fumo) ha provato molte persone nel tempo protostorico per creare una connessione tra il cielo e la terra, per comunicare con i loro dei e votare con il profumo delle erbe infuocate misericordia. Sumeri, Babilonesi o Egiziani - dall'India all'Arabia, dalla Grecia all'Impero Romano - dappertutto i nobili aromi erano originariamente dedicati agli dei. C'erano oli e unguenti preziosi dai succhi di fiori e foglie spremuti, frutta ed erbe per ungere i sacerdoti, oltre a legni e resine aromatiche per le vittime di fumo - in particolare incenso e mirra, più preziosi dell'oro, che venivano bruciati in speciali incensieri.



Medico della peste con la maschera del becco, che dovrebbe proteggere contro l'infezione.

In Europa, l'incenso era usato per scopi sacri, la Chiesa cattolica lo sta facendo ancora oggi. A quel tempo, tuttavia, c'erano mondi tra le fragranze celesti dell'India, dell'Oriente e il puzzo mozzafiato nelle strette vie delle nostre città medievali. "Le strade odoravano di sterco, i cortili delle urine, le scalinate di sterco di legno e di ratto". Lo zolfo puzzava dalle ciminiere, la gente puzzava di sudore, di vestiti non lavati, di denti marci dopo la putrefazione Luoghi, capanne e palazzi ", dice Patrick Süskind nel suo romanzo" Das Parfum ".



Puzza ogni cosa. Ad esempio, non esisteva un sistema fognario e l'igiene era una parola straniera. Non sapevano nulla del potere distruttivo e distruttivo di batteri e virus - conoscevano solo le malattie che apparentemente causavano acqua, motivo per cui era considerato pericoloso. Ecco perché il lavaggio è stato considerato davvero dannoso. E poiché gli ammalati puzzavano tanto di putrefazione e putrefazione, i cattivi odori erano responsabili della trasmissione di epidemie e epidemie mortali. Protezione contro la peste, il vaiolo o il colera, tuttavia, dovrebbe portare fumigazioni detergenti e sostanze dall'odore buono: erbe profumate portarono quindi i medici della peste nelle loro maschere di becco, palle di odore di stelo, gomma adragante, gomma arabica, rosa e lavanda furono indossati per prevenire il corpo.

Polvere per la parrucca

Polvere per la parrucca, profumo per la pelliccia ...



Non aveva un odore molto più gradevole a corte: lavarsi e fare il bagno erano malvisti anche nei palazzi reali come nelle case e nelle capanne dei sudditi. Tuttavia, la gente cercava di coprire l'aria densa delle loro intense esalazioni corporee con pesanti muschio di animali e fragranze di zibetto: c'era polvere e profumo, ciò che le cose contenevano. E 'stato generosamente versato su parrucche, gocciolato su vestiti e dipinto in faccia, fazzoletti e guanti profumati, ventagli e carta, cuscini e carta da parati, creme e acque, unguenti, pomate, lozioni e tinture, intossicati con afoso Bande di ambra, zibetto o muschio, patchouli, sandalo e gelsomino. Inimmaginabile era il consumo - presumibilmente pari a tonnellate di sole re Luigi XIV - Era stata ordinata una polvere e un profumo costosi. Il tribunale di Versaille era considerato il miglior cliente della nascente industria dei profumi, che - a partire dalla ricca città marittima e commerciale di Venezia - si era insediata in tutta Europa, ma soprattutto in Francia.

Una città in fiore

I petali vengono lavorati in tuberi a Grasse.

La francese meridionale di Grasse, ad esempio, si è sviluppata da una vecchia città Gerber alla capitale della profumeria. Qui sono state scoperte, sviluppate o raffinate le procedure più diverse, con le quali è riuscito finalmente a vincere le fragranze nella sua forma più pura: mediante distillazione, macerazione, enfleurage o estrazione si potevano ora le erbe, i fiori, i fiori, le conchiglie, le cortecce e le foglie strappare il mistero fragrante sotto forma di oli essenziali, convertirli in essenze preziose e riempire in fiale: il profumo come lo conosciamo oggi - come una miscela volatile di oli essenziali e alcol, è nato.

Successivamente, con lo sviluppo dell'igiene, il gusto cambia, vengono preferite le fragranze più raffinate e fresche, con le quali i primi grandi marchi parigini diventano ricchi - tra gli altri, la nota società di Guerlain. Rose, chiodi di garofano e limone sono improvvisamente alla moda, e Grasse sta diventando il più importante centro commerciale di fragranze in Europa.La città trasuda il profumo seducente di terre lontane - qui ci sono tuberosa e sandalo dall'India, ylang ylang dalla Malesia, baccelli di vaniglia del Madagascar, qui fioriscono a maggio, le rose, i petali vengono raccolti all'alba per il prezioso olio di rosa. A luglio, i campi di lavanda viola fluttuano intorno al suo aroma sontuoso, poi il gelsomino in fiore viene strappato. L'intero mondo della fragranza è concentrato a Grasse. Una città in fiore.

E a Colonia arriva un'acqua miracolosa sul mercato, che ha conquistato il mondo intero in poco tempo ...

Il trionfo dell'Eau de Cologne

"4711 Echt Kölnisch" è il nome di "aqua mirabilis", la Wunderwaser che ha appena festeggiato il suo 211 ° compleanno - come uno dei marchi più antichi nel settore dei profumi. La storia di successo ebbe inizio l'8 ottobre 1792, quando l'uomo d'affari Wilhelm Mülhens ricevette la ricetta per un tale miracolo dell'acqua a Colonia come regalo di nozze. E siccome il commerciante ha subito un tuono molto forte, presto è stata costruita una piccola manifattura per la produzione dell '"Acqua di Colonia". Il successo fu trionfale: in Europa, la casa dei Mülhens fu il fornitore di corte di molte corti reali e principesche, e lo zar di Russia e il principe di Galles furono presto una nobile clientela. I fanatici della fragranza Richard Wagner ordinarono nel 1879 un quantitativo pari a tre litri - come scorta minima per un quarto di anno - quanto prima che Johann Wolfgang von Goethe avesse ordinato. Oggi il 4711 viene esportato in oltre 60 paesi. La ricetta top secret è rimasta invariata dal 1792, con solo gli ingredienti principali conosciuti: oli essenziali di agrumi speciali come arancia, limone, lavanda, bergamotto e neroli, e in piccole proporzioni rosmarino e lavanda sono inclusi anche.

Dal lusso alla produzione di massa

D'ora in poi, l'arte dei profumieri è quella di utilizzare la loro scorta di materiali naturali, la loro immaginazione e fantasia per creare nuove fragranze sui loro organi olfattivi, per remixare le essenze e comporre variazioni sempre più raffinate. Quando la chimica entra in gioco verso la fine del 19 ° secolo, il mercato delle fragranze viene nuovamente rivoluzionato: cumarina, vanillina, aldeidi sono le sostanze sintetiche della provetta che sostituiscono i costosi prodotti naturali o consentono fragranze finora inimmaginabili. Gli stilisti stanno già iniziando a produrre profumi, con successo: Ernest Beaux, ad esempio, è riuscito nel 1920 a creare la fragranza che fa la storia: per lo stilista Coco Chanel ha creato Chanel No.5 - è il primo profumo sintetico sul mercato. E appartiene ancora ai famosi classici di oggi.

Il profumo era ed è un oggetto di lusso, ma negli anni Cinquanta i profumi seduttivi stanno diventando gradualmente accessibili per tutte le donne - Dior, Chanel, Pierre Cardin o Paco Rabanne portano nuove creazioni sul mercato. Il settore è in piena espansione e con esso la creazione di fragranze sintetiche. Oggi un profumiere può scegliere tra oltre 2.000 tessuti sintetici oltre a circa 200 tessuti naturali per comporre una fragranza. Di fatto, si stanno ancora mescolando nuove varianti: ogni anno vengono lanciate sul mercato oltre 400 nuove fragranze, fragranze femminili e maschili, di cui circa 100 sono nuove nella sola Germania. Con questo flusso di odori, la fragranza non decide più il successo o il fallimento di una nuova creazione, ma principalmente il marketing. Imballaggio, bottiglia e immagine devono essere perfetti affinché il registratore di cassa suoni.

AltaRoma AltaModa - Room Service - Clemsa - Intervista a Sabrina Clementi - www.HTO.tv (Settembre 2022).



Profumo, unguento, Europa, India, Grasse, Arabia, Grecia, Chiesa cattolica, Patrick Süskind, Colonia, Smokehouse, Incenso, Incenso, Mirra, Oriente