Perdona: nessun uomo è senza colpa

Nessuno è senza colpa. Ma nessuno si sente in colpa, dice il famoso ricercatore di traumi Prof. Dr. med. Luise Reddemann. Nell'intervista consiglia di essere più tollerante con se stessae spiega come possiamo praticare per perdonare noi stessi.

Prof. Dr. Luise Reddemann, Nato nel 1943, è uno specialista in medicina psicoterapeutica e psicoanalista. Ha avuto a che fare con disordini traumatici per più di 20 anni.

"Perdonare è accettare che come un umano io commetta errori"

ChroniquesDuVasteMonde: A volte si viene colpevoli colpevoli, ad esempio, quando un bambino corre fuori dal nulla sulla strada, non si può smettere di frenare. Margit Vetter ha ucciso sua nipote e da allora non è più felice. C'è una via d'uscita dalla disperazione per gente come Margit?



Luise Reddemann: Il problema non è se sei colpevole o no. Supponiamo che Margit lo sarebbe, quindi dovrebbe riconoscere la colpa. Disegna una linea e poi cerca davvero di arrivare nell'ora, guardare avanti, tornare all'azione. Il problema è la colpa. Margit è bloccata nel passato, non si considera che valga la pena di vivere una bella vita, è in cerca di un auto-castigo.

ChroniquesDuVasteMonde: Perché è così difficile per noi perdere la nostra colpa?

Luise Reddemann: Alla fine, il perdono non significa altro che accettare che come essere umano sono un essere limitato e commettere errori. Dalla mia esperienza, questo è ciò che rende noi umani il più difficile accettare la propria impotenza. Molti scelgono di incolpare se stessi e cercare la propria punizione. Margit, ad esempio, rifiuta la terapia e interpreta l'emicrania come una punizione. È una specie di tentativo di auto-guarigione. Pensa che non può risparmiarsi. Proprio come il nostro background culturale ci modella: la punizione sradica la colpa. Questo è sbagliato. Margit è incredibilmente severa con se stessa, questa spietatezza, con la quale va in tribunale con se stessa e fa richieste enormi a se stessa. Questa lacerazione quotidiana della ferita - che non aiuta. Sappiamo dalla ricerca sul cervello: se qualcuno si rimprovera ogni giorno, diventa indipendente a un certo punto. Si nutre nel cervello. E poi è molto difficile abituarsi di nuovo.



ChroniquesDuVasteMonde: questa situazione può essere superata da sola?

Luise Reddemann: Margit aveva bisogno di qualcuno che l'aiutasse a mettere in discussione il suo concetto interiore, a lasciar andare il passato ea depositarlo negli archivi interni. Forse potrebbe essere il pastore? Al problema del senso di colpa, ma ha aggiunto un trauma. La costante trattazione di esso, la sovraeccitazione, l'assenza di parole - tutti questi sono i sintomi di un disturbo da stress post-traumatico. E chi soffre, ha urgente bisogno di supporto professionale.

ChroniquesDuVasteMonde: La morte di un bambino è sicuramente un caso estremo. Ma anche noi siamo spesso indebitati nelle nostre vite quotidiane. Cosa significa perdonare te stesso?

Luise Reddemann: Zeihen significa mostrare, quindi indicare la colpa. E Ver-Zeihen significa non accreditare l'indebitamento. Quindi il perdono è sempre accompagnato da un cambio di prospettiva: lontano dal passato, verso il presente. Devo voltare le spalle e abbandonare la speranza per un passato migliore.



ChroniquesDuVasteMonde: Quindi spugnilo e tutto va bene?

Luise Reddemann: No. Sarebbe banalizzante. Un vero perdono avviene solo quando riconosco che qualcosa è male. Ad esempio, quando ho tradito qualcuno, devo ammetterlo a me stesso e indagare le mie motivazioni. Il passo successivo è riconoscere che non potrei agire diversamente nella situazione data. Questa è certamente la parte più difficile del perdono. Perché non vogliamo lasciar andare il fatto che avremmo potuto agire diversamente. È triste che sono stato capace di comportarmi così. Ma è così che sono.

ChroniquesDuVasteMonde: Solo se riconosco la mia debolezza, posso perdonare me stesso?

Luise Reddemann: Giusto. Ciò che è molto importante: io sono più di questo! Sono anche qualcuno che può essere affettuoso, pieno di sentimento e così via. È importante vedere te stesso nel suo complesso. E l'auto-perdono include sempre la promessa di cambiare. Solo quando una certa calma è tornata dopo rabbia e tristezza, sono anche in grado di perdonare. Prima io e poi l'altro.

ChroniquesDuVasteMonde: In questo ordine?

Luise Reddemann: Sì. Secondo me, l'auto-perdono è il prerequisito per perdonare gli altri. Se uno non può perdonare se stesso, l'altro - il perdono - il volere non può essere reale. E dal momento che tutti facciamo costantemente errori piccoli o grandi, possiamo allenarci bene con noi stessi.E se diventiamo più tolleranti verso noi stessi, allora un giorno saremo contro gli altri.

ChroniquesDuVasteMonde: Se sono risentito con me stesso, sono con gli altri?

Luise Reddemann: Sì. Posso solo mentalmente perdonare gli altri, ma fallire a causa dei miei sentimenti. Se combatto me stesso come mio nemico, come posso davvero incontrare e perdonare apertamente un'altra persona? Questo è certamente irreale.

ChroniquesDuVasteMonde: due sorelle litigano per il patrimonio. Si ottengono molti più soldi. Forse non del tutto onesto, ma legittimo. Ora si sente in colpa. Dovrebbe perdonarsi per ora?

Luise Reddemann: assolutamente. E non, rendendolo bello. Questa è una forma sbagliata di perdono. Quindi non: "È in qualche modo per me, la legge è proprio così." O, peggio ancora, parlare con il tuo personaggio cattivo: "Sono proprio così", "Non posso farci niente". Quello è scortese. Quindi lei non perdona nulla. Quando incolpi te stesso, è importante ammetterlo. Può relativizzare la sua colpevolezza, trovarne le ragioni, capire se stesso. Ma devi essere chiaro: non era giusto. E poi è importante che lei non continui eternamente con la colpa, ma cambia qualcosa, va dalla sorella e implora il suo perdono.

ChroniquesDuVasteMonde: Hai bisogno dell'altro per perdonare te stesso?

Luise Reddemann: Questo rende certamente più facile. Se confesso a mia figlia solo al funerale di zio Karl, che questo era in realtà suo padre, allora posso certamente perdonarmi più facilmente se alla fine mi raggiunge. Ma nessuno può costringere la figlia a farlo. Lei è libera di dire: non ti perdonerò mai per quello. Ci sono persone che, mentre disegnano una linea, non vogliono perdonare. Comune nella violenza sessuale. Alcuni dicono: Per amore della mia dignità non lo perdono. Un terapeuta deve essere in grado di lasciare anche quello. Tutto il resto è una forma di violenza terapeutica.

ChroniquesDuVasteMonde: Se riesci a perdonare gli altri, avrà anche un effetto positivo sulla tua salute, ridurrà la pressione sanguigna, ridurrà lo stress. Questo vale anche per l'auto-perdono?

Luise Reddemann: certo. Se faccio auto-rimproveri, mi sento in colpa, allora quello è lo stress interiore. E lo stress danneggia la mia salute. Perdere se stessi significa essere gentili e tolleranti con se stessi. Non dovresti ignorare i tuoi errori, ma accetta che non puoi annullarli. E dì: ora, per il futuro, possiamo fare l'un l'altro bene.

ChroniquesDuVasteMonde: aiuta i rituali per liberarti dai sensi di colpa?

Luise Reddemann: Sì, questo aiuta molti. Cerco di scoprire con ognuno di loro ciò che è giusto per loro.

ChroniquesDuVasteMonde: cosa potrebbe essere, ad esempio?

Luise Reddemann: Molte persone fanno qualcosa con l'acqua. Un po 'di cemento, poi affondare una pietra nel lago o mettere una piccola barca nell'acqua, alcuni lo immaginano. Altri scrivono una lettera alla vittima, scrivono tutto e poi bruciano la lettera.

E poi è fatto? Il perdono è un processo, una lotta. Questo non può essere controllato una volta per tutte. Sono sempre favorevole alla ricerca di immagini. Verso la fine mi piace chiedere se le persone coinvolte potrebbero immaginare di abbracciare la persona che loro stessi erano ieri. Quindi, oggi sono io oggi abbraccia il mio ego ieri e dice: Non è stato bello, ma va bene. Sei solo umano.

IL SEGRETO PER RICONQUISTARE L'EX E' NON FARE NULLA (Ottobre 2020).



perdonare