Fernanda Brandão: Dal "Bandito caldo" al riformatore del mondo infuocato

Da Rio de Janeiro ad Amburgo-Steilshoop: la conduttrice e cantante brasiliana-tedesca Fernanda Brandão (35) per attestare, essere cresciuta in due mondi diversi, non è certamente troppo alta di fronte a questo shock culturale. Tuttavia, grazie al drastico cambiamento nel centro della vita all'età di soli nove anni, Brandão ha a lungo considerato il suo compito di essere un modello da seguire e fare del bene con progetti di beneficenza.

E ciò non solo li rende transfrontalieri, ma anche con le migliori virtù di entrambi i mondi, quando incoraggia i bambini e gli adolescenti con le parole: "Credi in te, venivo da una famiglia povera in Brasile, molti sorridevano in quel momento:" Oh, non funzionerà in Germania, non puoi farlo. " Ma credevamo che potessimo farlo e che saremmo andati per la nostra strada ", dice a margine del Deichmann Förderpreis, che quest'anno è già stato premiato per la 14esima volta.

L'educazione è l'alfa e l'omega

"Il mio temperamento è tipicamente brasiliano: il mio gusto per la vita, la mia affinità per la musica, il ballo, il mangiare, la condivisione", afferma Brandão. Questo fuoco sudamericano è accoppiato con la loro "mentalità e il modo di lavorare" tedeschi, ha rivelato il membro della giuria e della giuria del premio. In questa funzione, Brandão decise quali istituzioni, grazie alla promozione dei figli e dei giovani, avevano guadagnato più di 100.000 euro di premi in denaro.

Dalla sua esperienza personale, il trentacinquenne sa: "L'educazione è il dono più grande, il bene più grande e il più sostenibile, quello che puoi dare ai bambini e ai giovani". Di conseguenza, anche il coinvolgimento attivo in questo settore viene attivamente premiato. Sulla base del proprio curriculum, lei sa: "Quello che ho imparato mentre ero straniero in Germania era che tre cose erano molto importanti: padroneggiare la lingua, capire la cultura e avere una solida educazione scolastica sul mercato del lavoro. "

Ogni inizio è difficile

Il fatto che non sia stato così facile fare del bene nella giungla brasiliana qualche tempo fa: "Tre anni fa, la mia vita ha preso una svolta incredibile quando sono andato nella foresta pluviale brasiliana perché ho chiesto agli indiani volevo ciò di cui avevano bisogno - se puoi aiutarli, assolutamente ingenuo, non avevo alcuna conoscenza preliminare del lavoro di soccorso. " Nel frattempo, ha maturato la sua ingenua iniziativa in un grande progetto chiamato "Children of the Forgotten", "dove si tratta di creare un'infrastruttura sostenibile nella foresta pluviale".

Ma anche così, la loro spinta multiculturale non è ancora finita. Al momento sta lavorando al suo primo libro, che tratta le sue esperienze nella foresta pluviale brasiliana. Ed era anche interessata a fondare un "centro di guarigione" in cui voleva offrire una breve pausa dalla vita di tutti i giorni, perché: "Tutti noi soffriamo di quanto velocemente le nostre vite sono diventate".

Molti lodevoli cantieri in cui Fernanda Brandão lavora nell'interesse della buona causa. Tuttavia, nonostante la sua integrazione esemplare, morde ancora i denti bianchi e brillanti di una virtù tedesca originale: "Sfortunatamente, la puntualità non ha funzionato fino ad oggi". Fortunatamente il suo zelo sociale non arriva mai troppo tardi.

AMIGO OCULTO (Novembre 2019).


Germania, Rio de Janeiro, Brasile, Fernanda Brandão, Brasile, Premio Deichmann, Educazione, Impegno sociale