Family Helper: la donna che dà ai bambini un futuro

Bilancio 2012: gli uffici della gioventù classificano i 38.000 bambini in pericolo

© iStockphoto / Thinkstock

Trascurato, picchiato, maltrattato: le autorità devono sempre esaminare le famiglie con l'accusa di pericolo per il bambino. Quanti casi ci sono in Germania, non era noto esattamente. Ora, per la prima volta, l'Ufficio federale di statistica ha registrato tutte le figure degli uffici tedeschi per il benessere dei giovani (ad eccezione di Amburgo, che non ha partecipato al sondaggio). Di conseguenza, nel 2012 i funzionari hanno testato circa 107.000 casi di possibili rischi per i minori. Con 38.000 famiglie, circa un terzo, il sospetto è stato confermato. 17.000 bambini o adolescenti sono stati persino gravemente minacciati.

Uno che mette in pericolo il bambino si parla se il benessere fisico, mentale o mentale del bambino è considerevolmente danneggiato o tale danno può essere previsto con certezza. Nel 2012, due terzi dei bambini vulnerabili hanno mostrato segni di abbandono, il 26% era malato di mente e un quarto ha subito un abuso fisico. Circa il cinque percento ha subito violenza sessuale.

Gli uffici di assistenza per i giovani imparano dai problemi delle famiglie di diverse parti: con il 17%, la polizia, il tribunale e la procura si sono spesso rivolti alle autorità. Nel 14 percento dei casi, il riferimento proveniva da amici o vicini, nel 13 percento delle scuole o degli asili. Circa una referenza su dieci era anonima.

Quanto sia difficile sostenere le famiglie con gravi problemi, conosce gli aiutanti di famiglia Inge Roth. Il loro compito è convincere i genitori a trattare bene i propri figli. ChroniquesDuVasteMonde l'ha accompagnata al lavoro.

Family Helper: la donna che dà ai bambini un futuro

© Nelos / Fotolia.com

Un rapporto del redattore di ChroniquesDuVasteMonde Meike Dinklage.

Giorno e notte, il signor Schewe * sedeva al tavolino nel corridoio del bagno e giocava a giochi per computer. Sempre in pantaloncini corti, catena fumante. Nico, 15 anni, lo guardò mentre lo faceva. Mentre suo padre prendeva a pugni tutto, ma non usciva mai dalla sua sedia. Ad un certo punto ha iniziato a regolare le cose da solo. A scuola, per strada. Cinque volte l'anno scorso, ha avuto problemi con la polizia, aggressioni pericolose, coercizione.

Inge Roth accompagnava Nico e sua madre ogni volta per testimoniare alla polizia. Per un anno e mezzo, entra in famiglia, per cinque ore a settimana. Parcheggiò la sua Ford blu sul vialetto, dicendo al suo terrier Juri di aspettare in macchina. Quindi suona. È mercoledì, alle dieci, gli Schewes sono la loro prima famiglia oggi. La signora Schewe sta già aspettando, stanno entrando nel soggiorno, che è piuttosto un corridoio arredato; La sera, gli Shevies lasciano i materassi, appoggiati al muro nel passaggio, a terra e dormono su di esso. Il signor Schewe è seduto sulla poltrona, lo sguardo semivolto rivolto verso la finestra, dove passa la strada principale. Indossa pantaloncini, anche adesso, in inverno. Sul tavolo una caffettiera, latte condensato e le ultime lettere dell'ufficio. Il signor Schewe ha una malattia polmonare, può fare solo pochi passi. La fredda nicotina pende grigia negli angoli, vogliono rinnovare, ma finora non hanno trovato un inizio.

La famiglia del sistema può essere terribile quando è malata.

Nico è a scuola, la prima volta da quando ha picchiato un compagno di classe in ospedale due mesi fa. L'altro ragazzo lo ha provocato, "vittima di bullismo", dice Frau Schewe, e sembra che sia una ragione sufficiente. L'insegnante ha sospeso Nico dalla lezione, l'altro studente lo ha segnalato, il processo è ancora in corso.

Nel 2011, gli assistenti familiari in Germania hanno curato circa 208.000 bambini e adolescenti, ogni settimana per alcune ore. Gli uffici di assistenza per i giovani hanno speso circa 741 milioni di euro. Ne senti parlare solo quando succede qualcosa: Zoe, due anni, di Berlino, è stato picchiato a morte nel 2012, anche se due aiutanti di famiglia si sono presi cura della madre; erano lì il giorno prima della morte di Zoe. I genitori biologici di Jeremie, il ragazzo del circo itinerante di Amburgo, hanno avuto l'aiuto della famiglia per anni, eppure il ragazzo pesantemente traumatizzato è finito in una famiglia affidataria che è stata sopraffatta da lui. Perfino la madre del bambino di tre anni, che è stato trovato in una cantina a Bad Segeberg lo scorso autunno, fino alle caviglie nel fango, ha avuto un aiuto familiare: gli aiutanti avevano visto il ragazzo ad ogni visita, vestiti e bene, non sapevano nulla di una cantina, in cui la madre ha restituito il bambino dopo ogni visita. La famiglia del sistema può essere terribile quando è malata.

"Lavoro su ghiaccio sottile", afferma Inge Roth."Non si sa mai con certezza cosa sta realmente succedendo in una famiglia, non importa quanto bene li conosci." Se c'è stato o c'è un abuso o se una ragazza in pensione ha intenzione di suicidarsi, anche se Inge Roth era ancora in fiera ieri con lei. Ci sono aiutanti di famiglia che hanno avuto questo successo; Inge Roth conosce colleghi che sono quindi permanentemente inabili al lavoro. Questo è il loro rischio.

* I nomi delle famiglie sono cambiati

L'aiuto familiare è una zona grigiain cui una società indifesa e insicura esternalizza il suo compito più difficile: assicurarsi che i suoi figli siano trattati bene. Per questo manda i suoi vice. Se succede qualcosa, allora hanno fallito, almeno nella percezione pubblica. Questo è il dilemma del sostegno familiare, ed è il dilemma personale di ogni aiutante: nessuno è così vicino alla fonte del fuoco, eppure spesso così impotente da estinguere. Perché l'aiuto familiare non significa terapia familiare. Inoltre non significa giocare alla polizia, fare pressione sui genitori, reprimere. Significa costruire la fiducia, far cooperare i genitori, aiutarli in modo che possano dare sostegno ai loro figli. Significa: stare molto attenti, a tentoni, perché per la famiglia l'aiutante fa parte dell'ufficio di welfare per i giovani, e non tutti comprendono che l'ufficio è dalla loro parte in questo caso.

Inge Roth, 58 anni, è una pedagoga e psicoterapeuta qualificata, una donna intelligente e modesta che lavora da anni con adolescenti e criminali e conosce molto bene il sistema di aiuti di Stato e i suoi limiti. Ha divorziato, ha tre figli grandi e vive in una piccola città vicino a Kiel. Vicino all'autostrada, questo è importante per lei, ha una pratica a Kiel e la famiglia aiuta i lavori fino ad Amburgo. Non può vivere solo con la pratica, deve guadagnarsela, ma il supporto familiare non è una soluzione di emergenza per lei, adora questo lavoro.

Inge Roth pensa che il pubblico debba capire dove si trova il sistema.

Le contraddizioni dell'aiuto familiare possono nominarla in modo molto preciso, ma ciò non la rende cinica. Se la accompagni in alcune di una dozzina di famiglie che attualmente si prende cura di te, allora senti quanta empatia porta con sé. E dove vuoi dare valore e incolpare te stesso rapidamente - i genitori che hanno messo a morte i loro figli, le madri che coprono la violenza dei loro mariti - dice "Fa molto affidamento su questa famiglia". Il fatto che sia diventata la protagonista di questa storia ha a che fare con il suo coraggio di parlare onestamente dei vincoli del suo lavoro. Pensa che il pubblico debba capire dove è malato il sistema. Perché lei vuole che vada meglio.

Inge Roth si trova alla fine di una catena attraverso la quale l'ufficio di assistenza ai giovani continua a privatizzare il proprio compito, la preoccupazione per il benessere dei bambini. Gli aiutanti familiari sono quasi sempre remunerati, che vengono occasionalmente assunti da liberi professionisti. Solo nel distretto di Rendsburg-Eckernförde ci sono più di 30 di questi portatori, pubblici come il Diakonie o "ponte" e privati, che sono puramente commerciali; In una città come Berlino, ce ne sono quasi 800.

I facchini sono una specie di agenzia, competono tra loro per i contratti con gli uffici di assistenza ai giovani, per i quali è più economico esternalizzare l'aiuto piuttosto che inviare il proprio personale. Non tutti i portatori sono controllati, a volte un volantino colorato che promette "esperienza" e "diversità e valori" è sufficiente per essere commissionato dall'Ufficio. Inge Roth è sotto contratto con diversi vettori. Con lo stesso Ufficio di welfare per i giovani, anche se ci sono problemi, secondo la volontà della maggior parte delle istituzioni, dovrebbe contattare il meno possibile. Dice: "L'idea che un ufficio di assistenza ai giovani stia mantenendo la sua mano protettiva direttamente sul nostro lavoro o sulle famiglie sta passando la realtà". Per lei sarebbe più facile avere voce in capitolo su ciò di cui una famiglia ha bisogno. Lei è lì, lo sperimenta. Ma quando arriva, l'ufficio di assistenza per i giovani ha già predisposto il piano di aiuto che determina cosa fare in famiglia. Dovrebbe semplicemente risolverlo il più silenziosamente possibile. Se pensa che il piano supererà i problemi reali - la madre non può far fronte a una violenza precedente o indebitarsi - non può fare molto. "L'ufficio di assistenza ai giovani vede soprattutto i sintomi: il bambino salta, è sporco, è violento, ma in famiglia si ha sempre a che fare con la sottostruttura". È qui che inizia l'atto di bilanciamento, afferma Inge Roth.

Ha trovato il suo primo lavoro su un annuncio di giornale cinque anni fa. "Diceva: 'Il personale educativo ambulatoriale voleva a pagamento?' Sono stato quindi inviato alle prime famiglie senza ulteriori istruzioni o formazione", afferma. "Tutto ciò che so oggi, mi sono appropriato."

La maggior parte delle famiglie che va a cercare aiuto, si sono offerte volontarie per l'ufficio di welfare della gioventù; sono i casi meno gravi, perché non mettono direttamente in pericolo il benessere del loro bambino e vogliono stabilizzarli in modo che rimanga tale.L'Ufficio ha una sorta di contratto con loro: la famiglia deve assicurare la loro collaborazione e formulare l'obiettivo dell'aiuto con le loro stesse parole: "Faccio di tutto per far andare Kevin a scuola" o "Sono più tranquillo con i miei figli". Questa frase viene quindi trattata nel piano di aiuti, inizialmente limitato a sei mesi; è l'unica missione definita dell'assistente familiare. Viene misurato contro di lui e il Jugendamt si assicura contro di lui, a causa di altre difficoltà della famiglia che possono essere perseguite. "Ci sono posti di lavoro, l'accordo è, 'Voglio prendermi cura dei miei figli in modo adeguato, e guardi tre giorni alla settimana per vedere se il frigorifero è pieno - nient'altro", dice Inge Roth. Lei rifiuta tali lavori.

La Schewe ha contattato l'ufficio di assistenza per i giovani due anni fa. L'accordo obiettivo era: "Nico dovrebbe completare correttamente la scuola". La scuola speciale è la sua ultima possibilità per una laurea, ma non gli sta bene. "Sta combattendo con il suo carattere", dice sua madre. Durante una gita scolastica, è fuggito, il rapporto con l'insegnante di classe sta diventando più aggressivo. Lo aveva sospeso dalla classe dopo l'ultimo combattimento, avrebbe dovuto andare in un'altra scuola, ma era prevedibile che ci sarebbero stati di nuovo problemi. Inge Roth è riuscito a trasformare la punizione in un cimitero in 14 giorni di lavoro, ma Nico era così lontano che passarono due mesi.

Ora, il suo primo giorno, l'insegnante di homeroom vuole che Nico dica qualcosa di carino sul ragazzo che ha picchiato, ha detto ieri alla signora Schewe. "Qualcosa di carino." La signora Schewe scuote la testa.

Inge Roth ha sempre moderato i colloqui di Nicos con il suo insegnante, il preside e sua madre. Voleva portare la pace nella relazione. Ora che l'aiuto è stato esteso, l'accordo obiettivo è: "Nico dovrebbe imparare a vivere senza violenza". - "Crucial è", dice Inge Roth the Schewes, "come Nico affronterà la sua rabbia in futuro". Oh, dice Herr Schewe, sulla sua sedia, con la faccia rivolta verso la strada, "non puoi sempre semplicemente collegarti. Devi mostrare chi ha qualcosa da dire". Inge Roth risponde con calma. "Nico deve imparare a trovare metodi diversi dalla violenza, signor Schewe", afferma. Il padre guarda alla finestra.

Inge Roth ascolta semplicemente la famiglia, altrimenti nessuno lo fa.

Resta con gli Schewes per due ore, è lì. Lei non fa molto di più. È abbastanza perché nessun altro li ascolta. Cominciano a parlare di se stessi. Quindi interviene Inge Roth, non si spinge con consigli o richieste, ma chiede: cosa ne pensi, cosa puoi fare? Quando Frau Schewe è già in viaggio per il suo mini-lavoro come commessa, suo marito dice ancora che gli piacerebbe andare a nuotare, ma non ha soldi per l'autobus e nemmeno per la piscina coperta. Inge Roth promette di pensare a qualcosa. Se pensa che qualcuno voglia cambiare qualcosa in meglio, lo sostiene, in questo caso con biglietti gratuiti per la piscina coperta, che in qualche modo la preoccupa, anche se la salute del signor Schewe non la riguarda formalmente. Successivamente afferma di essere molto colpita da come questa famiglia lotta per la sua dignità.

Dipendo dalle famiglie che lodano il mio lavoro, dipende dal mio prossimo lavoro.

Una famiglia fa davvero del male a un bambino in una famiglia?, quindi l'ufficio di welfare per i giovani aggrava la sua burocrazia, ed è quello che sente Inge Roth. Come lo scorso autunno, dopo che il ragazzo trascurato è stato trovato a Bad Segeberg. Con gli aiutanti di famiglia crescono quindi le condizioni di controllo. Ogni mese deve essere compilato un modulo di valutazione: a cosa sto lavorando, la cooperativa familiare? "Ma cosa", dice, "può prendere una nota del genere?" Ogni sei mesi, lei stessa viene valutata dalla famiglia prima dell'ufficio di welfare per i giovani e dell'istituzione. "Dipendo da loro dicendo che sta andando alla grande, il mio prossimo lavoro dipende da questo", dice. "Mi trovo nei guai quando qualcuno dice che sono in ritardo a volte, sono un controller e un controller." Ancora una volta un tale atto di bilanciamento. Il corriere è particolarmente interessato al fatto che un caso sia formalmente ben eseguito, la sua immagine dipende da esso e quindi dal suo successo commerciale.

Inge Roth guadagna bene 10 Euro l'ora, al netto. Viene pagata solo per le ore in cui l'ufficio di assistenza ai giovani ha dato un aiuto in famiglia. Che sta viaggiando in una zona rurale, spesso guidando per un'ora da caso a caso con la sua auto, attraverso il sud dello Schleswig-Holstein, il suo piccolo terrier Yuri nel bagagliaio; che i costi del carburante sono sostenuti e i costi telefonici; che porta piccoli regali e fa qualcosa con i bambini; che scrive i rapporti la sera e parla ai suoi clienti al telefono perché fornisce loro il suo numero di cellulare, anche se non è tenuto a farlo - tutto ciò non è pagato. I suoi guadagni sono quasi inferiori al prestigio del suo lavoro, che in realtà si nota solo se qualcosa non funziona. Non va mai in vacanza, non fa acquisti, il suo unico lusso è la casa con giardino che ha affittato. "Sembra divertente", dice, "ma per me è importante che io non viva come la mia famiglia.Non voglio vicini rumorosi, niente spazzatura nella tromba delle scale. "

Inge Roth si ferma brevemente in una panetteria del supermercato e si prende un caffè, ha un po 'di tempo fino all'appuntamento con la prossima famiglia. Per tre quarti d'ora guida sulla strada principale, poi si ferma davanti a una semplice casa ai margini di un piccolo villaggio. Com'è fatiscente, ti rendi conto solo quando entri: muffa sui muri, bagno inutilizzabile, finestre spumeggianti, stanze disposte come passaggi. Ovunque borse piene, la biancheria si sta accumulando davanti alla lavatrice, non è chiaro dove l'appartamento renda impossibile l'ordine e dove la madre si sia arresa. Due ragazze adolescenti sono sedute sul letto a castello inferiore con la testa tirata. Solo la cucina emana calore. La signora Eick *, sulla trentina, ha preparato il tè, gli orsetti gommosi sono stati posati, Inge Roth è seduto sulla panchina davanti alla finestra. Come la maggior parte dei clienti, non si toglie il piumino perché fa sempre freddo in tutte le case.

La signora Eick è malata, il suo primo marito, padre dei suoi sei figli, l'ha picchiatafino a quando la polizia lo ha portato fuori dalla famiglia. Il suo nuovo marito è spesso in montage da settimane. La signora Eick vive nella paura del suo ex marito, si è comprata un Rottweiler, "come dimostrazione di potere", dice. Ognuno dei suoi figli ha i suoi problemi, depressione, isolamento, una delle ragazze ha una disabilità e viene picchiata a scuola. La signora Eick ha visto le sue gambe blu sotto la doccia l'altro giorno, "ma non c'è modo di sapere chi fosse", dice. La ragazza è l'unica dei bambini con una raccomandazione per la scuola secondaria.

Mi sento al sicuro quando c'è la signora Roth.

Inge Roth viene qui per due anni e mezzo, ha aiutato a trovare il ruolo giusto per il figlio maggiore della famiglia, ha interpretato il capo, nel frattempo si è trasferito e insegna: "Ho dovuto lasciarlo andare, così può orientarsi "dice la signora Eick. I problemi sono travolgenti, ma Inge Roth deve limitarsi, stabilizza la madre in un misto di aiuto quotidiano e cura pastorale. "La mia missione è il benessere dei bambini, e per loro conta quanto potere ha la madre." Inge Roth ha cercato un nuovo appartamento con lei, la signora Eick si è sentita minacciata dal proprietario. Ha aperto con lei le lettere che la signora Eick aveva nascosto in un cassetto per mesi per paura delle molte domande e lettere ufficiali. Inge Roth aiuta, ma non più del necessario, non vuole spingere la signora Eick a una dipendenza ancora maggiore. Oggi, parlando in cucina, la incoraggia semplicemente e la rallenta quando si perde in pensieri negativi. "Signora Eick, questa non è una squadra di crisi, ma una famiglia", dice. Dobbiamo sederci qui e vedere esattamente quanto puoi fare. "-" Sono sicuro che la signora Roth sarà lì ", dice la signora Eick.

A volte sarebbe utile a Inge Roth, se solo qualcuno dicesse apertamente, che non è possibile riparare un motore familiare rotto in sei mesi e non è possibile misurare il successo del proprio lavoro su piani di assistenza completati. Se l'intero sistema volasse fuori dall'impotenza regolata eccessivamente. "Sarebbe l'abbandono di molta burocrazia", ​​afferma. "Ciò significa che non accadrà." Resta in contatto con alcuni dei suoi clienti, anche oltre l'aiuto. La chiama i suoi veterani. Ad esempio, con la ragazza di uno dei suoi primi casi: "Aveva 13 anni, si ribellava a scuola, lanciava un coltello a suo padre che la picchiava come una bambina, avrebbe potuto fare bene in prigione, ora sta facendo un volontario sociale Anno in psichiatria ". A quel tempo, disse alla ragazza, "Se gestiamo i tuoi problemi, otterrai una bottiglia di champagne per me il mio 18 ° compleanno". La scorsa settimana è arrivato l'invito.

Info: Famiglia sul posto di lavoro

Inge Roth, 58 anni, pedagoga e psicoterapeuta qualificata, ha avuto la sua pratica terapeutica a Kiel per 15 anni. Per l'aiuto della famiglia, si imbatté in un annuncio di giornale. L'aiuto familiare non è un corso di formazione, la maggior parte degli aiutanti ha studiato pedagogia sociale e sempre più insegnanti sono impiegati.

Aiuto familiare in Germania

I costi: Nel 2011, i governi federali, statali e locali hanno speso circa 30,5 miliardi di euro in assistenza all'infanzia e protezione dell'infanzia. Circa un quarto è andato in "aiuti all'istruzione", che comprende gli aiuti socio-educativi per le famiglie: nel 2011 è costato circa 741 milioni di euro, con un aumento del 36,9 percento dal 2008. Allo stesso tempo, il costo dell'assistenza domiciliare per i bambini - perché Lo scopo dell'aiuto familiare è anche quello di impedire, attraverso visite ambulatoriali, che un bambino debba essere preso in custodia.

Chi riceve aiuto: Nel 2011, l'assistenza familiare si è occupata di 208 670 bambini e adolescenti nelle famiglie e sono state concesse 43 390 nuove prestazioni. Il 52% dei beneficiari era costituito da genitori single, il 66% dipendeva da sussidi di disoccupazione, assistenza sociale o prestazioni di base.

I corrieri: I liberi professionisti beneficiano dell'aumento delle spese, che realizzano oltre l'80% degli aiuti concessi dall'ufficio di assistenza ai giovani.Nella sola Berlino, 780 portatori gratuiti sono coinvolti nell'assistenza educativa, ricevono dalla città circa 411 milioni di euro. Ad Amburgo, circa 234 milioni di euro di istruzione aiutano i vettori gratuiti. La legge sulla protezione dell'infanzia e della gioventù sostiene questo regolamento; il panorama dei vettori dovrebbe offrire "contenuti, metodi e forme di lavoro diversi".

ТОКАЛ фильм полностью. Русские субтитры включены с английскими одновременно. (Novembre 2019).


Germania, ufficio di welfare della gioventù, polizia, Amburgo, Berlino, Kiel, automobile, bagno Segeberg, Destatis, pubblico ministero, gioco per computer, assalto, motore Ford, pericolo per i minori, fiducia