Dorfrat ha saccheggiato una donna come punizione per il crimine di suo padre


Una ragazza pakistana morta di recente nell'ospedale Mayo a Lahore ha alle spalle una terribile prova. Per ordine del consiglio del villaggio, si diceva che la giovane donna sposata fosse stata violentata e resa incinta. Poiché non era in grado di affrontare suo marito, che all'epoca era all'estero, si è bruciata. Secondo il sito di notizie pakistane Dawn.com, ha dato alla luce il bambino morto era incinta di cinque mesi.

Non un caso isolato: le donne sono punite per le offese degli uomini

Inoltre, il motivo per cui il consiglio del villaggio ha deciso che la giovane donna dovrebbe essere violentata: si dice che suo padre abbia molestato sessualmente una bambina minore. Si dice che il padre della ragazza molestata avesse il diritto di violentare la figlia del sessus.



Dopo che la giovane donna si era accesa a causa della sua gravidanza, venne in ospedale gravemente ferita. Prima di morire, ha dato alla luce il suo bambino morto. Dopo di ciò, il corpo del bambino scomparve dall'ospedale inspiegabilmente.

Ora il corpo del bambino è ricercato

Tutti gli uomini coinvolti furono quindi arrestati. Ma il caso ha preso una nuova piega quando tutti i sospettati e gli altri abitanti del villaggio hanno dichiarato che non c'era alcuna decisione del Consiglio del villaggio e nessuno stupro. La polizia sta attualmente cercando il bambino morto per utilizzare un test del DNA per determinare se lo stupratore è il padre biologico del bambino.

L'attivista per i diritti umani si accende

L'avvocato e attivista per i diritti umani Jacqueline Sultan ha parlato di un atto barbarico: il governo deve tenere conto del padre e del consiglio del villaggio, ha detto al Pakistan Christian Post. Inoltre, deve essere creata una legge che spieghi i consigli di villaggio illegali. Questa giustizia parallela ordina periodicamente punizioni barbariche per le donne per punire le violazioni dei loro familiari maschi.




Willow - Ron Howard - G. Lucas - HD - Langosto (Luglio 2020).



Stupri, Pakistan, vittime dello stupro