Charlie Schneider si arresta in modo anomalo

Gabriele Metzger, 57 anni, ha interpretato Charlie Schneider nel film ARD Daily "Forbidden Love" per due decenni. Lì era la proprietaria del ristorante? Schneiders? e il primo migliore amico del principale intrigatore Clarissa, portavoce delle brutte macchinazioni. Più tardi, Charlie è diventato più gentile. Meno iridescente. La buona anima di Dusseldorf, registrata a Colonia. Il loro marchio di fabbrica: testa bionda a pelo corto con fusto compiaciuto. Lo ha oggi.

"Forbidden Love", breve e intimo chiamato "VL", andò in onda nel 1995. Essendo il secondo sapone quotidiano della Germania, c'erano già solo "bei tempi, cattivi tempi".

E Gabriele Metzger è stata l'unica attrice dal primo all'ultimo episodio. Dall'inizio alla fine. E quello è venuto spesso. "Improvvisamente ho avuto un sacco di tempo?" Dice, gettandosi la cima del mantello sopra la spalla come avrebbe fatto Charlie. "Non c'erano sceneggiature per i prossimi mesi, settimane, giorni." Nessuno è rimasto per dirle quale ruolo deve svolgere ora.

Dopo aver completato gli studi di dottorato in teatro, Gabriele Metzger voleva diventare docente, ma ci furono cancellazioni. Questo non le ha fatto male allo stomaco. Vediamo che cosa è arrivato il credo. Ci sono stati lavori di moderazione. Era l'annunciatrice del programma, che era ancora il caso allora. E poi il casting di "Forbidden Love".

Tutti stavano andando meglio del previsto

Sono passati 20 anni della sua vita, durante la quale il personaggio Charlie si è sempre più fuso con la persona di Gabriele Metzger, gli ultimi giorni di riprese a dicembre, due anni fa, ha ancora chiaramente in mente:

"Non è stato più il lavoro piacevolmente di routine, tutto è stato oscurato da questa mostruosità che siamo stati depositati." Eppure c'è stata un'ondata di euforia dopo la serie. Le possibilità si aprirono come popcorn: suonare il piano, suonare il dramma, scrivere un pezzo, scrivere a tutti. "Sembrava che enormi porte da studio si aprissero alla libertà", afferma.

Ma a volte il salto verso la libertà diventa una caduta libera. Fermato dal terreno della realtà. "Nella mia vita parallela come Charlie, ho sempre saputo cosa si nascondeva dietro l'angolo successivo, se la stava tirando giù o se stava salendo le scale. Non lo sapevo per la mia vita.

Ma poi è arrivato il grande vuoto

Anche piccoli ostacoli nella vita di tutti i giorni portano Gabriele Metzger dopo la fine di? VL? nel vacillare. Una giacca rubata, una collisione posteriore innocua. Lei reagisce in modo sproporzionato. "Ho sentito un'insicurezza straziante a causa della sospensione della serie", dice.

In quel momento non riesce a sistemarli, continua pure. La vita di ogni giorno la sfida anche senza lavoro: dal 2008 si occupa di sua madre. A casa. Il nido Heusenstamm vicino a Francoforte, da cui ha sempre volato fino a quel momento per i giorni delle riprese a Colonia, è ora il fulcro stesso.

Compensazione? Non c'è. Con la prospettiva mancante, rimane solo il vuoto. E alcuni fatti concreti: ero nella mia metà degli anni 50. Ho dovuto riposizionarmi. Non mi sono sposato. Non ho figli È una brutta sensazione se non sei una non madre convinta. Il macellaio è una persona bisognosa di sicurezza che cerca il tetto protettivo. "Senza un partner e una famiglia, il mio lavoro mi ha dato quella sicurezza."

Ora si alza solo perché sua madre ha bisogno di lei. Prepara la colazione, dai le pillole. Di notte dorme male. La mamma ha l'asma. Ciò che in precedenza aveva trovato così facile ora sembra schiacciarla. Gli amici fanno quello che possono, ma possono davvero fidarsi e non li vogliono. Forse gli altri penserebbero solo che stavano esagerando.

Il modo lungo e doloroso per te stesso

Non vuole preoccupare sua madre. Quindi ingoia ogni gnocco che scende di nuovo. Prova il principio razionale: sii grato. Per gli eccitanti anni irrequieti, per l'opportunità di vivere il loro sogno d'infanzia, recitazione. Ma non aiuta. Non aiuta mai.

Non è il posto alla ribalta che le manca. Dopo 20 anni nello stesso ruolo, sempre nello stesso tempo di trasmissione, ad un certo punto nessuna luce grande brilla comunque. Il fondo sotto i suoi piedi prende qualcosa di diverso: la struttura mancante. "A parte il tuo talento e il testo nella tua testa, non devi preoccuparti di nulla come attrice. Tutto il resto è fornito da una grande squadra. Sono stato travolto dalla mia nuova libertà. Lei continua a brillare. Mantieni la facciata il più dritta possibile. Questo li rende ancora più stanchi. Ma Gabriele Metzger spera per il principio di adattamento: chi brilla tutto il giorno, alla fine si sentirà così. Un errore.

Gabriele va dal dottore. È sciocco che sembra buono. Invece di aprirsi, pensa se la sua pettinatura è seduta. Mantieni la facciata, lavora, sii eccezionale. Vediamo per quanto tempo andrà bene. Poi viene fuori, ciò che aveva allontanato con successo finora: il momento in cui aveva deciso nei primi anni '40, con il suo allora partner? Vogliamo un bambino? Ma il dottore riproduttivo dice che può provare tutto, ma le possibilità sono cattive. Piangendo senza sosta sulla via del ritorno, perché al momento capirai che questo non può mai essere riparato.La realizzazione scioccante che alcune porte chiudono. Per sempre. "Una famiglia, un matrimonio, è qualcosa di duraturo. Ho creato solo qualcosa di temporaneo? e costantemente il sapore dello zucchero filato in bocca, un po 'dolce, ma non è rimasto nulla.

La tristezza deve essere permessa

Si chiede: ne è valsa la pena? Sentirsi in colpa perché ha trascurato il privato a causa del suo lavoro, delle sue ambizioni. "Non era rimasto altro che una donna che intratteneva alcune persone la sera alle 18:00", dice. "Ero la non madre. La donna che non è riuscita a mantenere viva una relazione a lungo termine. Ero l'attrice sfinita che potrebbe anche unirsi, VL? aveva strisciato. Ed ero incredibilmente debole.

Va di nuovo in uno studio, questa volta è un dottore. E entro due minuti si apriranno le serrature. "È stata la prima ad ascoltarmi? e che potrei anche dire. La donna del raggio ha una pausa. Infine.

Oggi Gabriele sa che la tristezza non può essere evitata. Devi passare lì. Sulla via del ritorno a se stessa, ha fatto molta strada, non ancora alla fine, ma vicina ad essa. Ma soprattutto, non voglio definire ciò per cui sto usando. Sono lì? Dice.

Ha deciso di diventare un'autrice, è aperta a nuovi ruoli. Da allora, i suoi sogni sono tornati più plastici. "Guardo le cose intorno a me in modo diverso, inizio a pensare diversamente", dice. Il primo romanzo è per metà finito. Gli editori mostrano interesse. Sta scrivendo delle sue memorie. "Anche se mi sono allontanato da esso come il cavallo davanti all'ostacolo. Perché hai bisogno di una buona dose di narcisismo. Devi considerarti abbastanza importante e pensare di avere abbastanza da dire. Soprattutto, la scrittura la aiuterà a rispondere a due domande: chi sono adesso? E perché va bene?

Oggi, a poco più di un anno dalla crisi, come la chiama lei, si sente più forte, più chiara: "Sono determinata a farcela". Chissà, forse un giorno qualcuno verrà e chiederà: come stai? Hai bisogno di aiuto? "Sarebbe una rivelazione", dice. Sarebbe sensazionale.

Our Miss Brooks: Conklin the Bachelor / Christmas Gift Mix-up / Writes About a Hobo / Hobbies (Dicembre 2019).