Destino dell'aborto: "Non volevo vedere lo stupratore in faccia a mio figlio"

L'aborto è punibile con stupro e incesto

Lo stato americano dell'Alabama ha adottato la legge sull'aborto più restrittiva negli Stati Uniti: proibisce l'aborto anche se una gravidanza è il risultato di stupro o incesto.

L'unica eccezione: se la vita della madre è a rischio, può essere fatto un aborto. In tutti gli altri casi, ginecologi e ginecologi rischiano la reclusione tra dieci e 99 anni. 99 anni!?

99 anni in prigione - sembra un numero simbolico dall'inferno o dalla vecchia chiesa, che interpretava il valore numerico della parola "Amen" come 99.

Fa infuriare che i politici prendano le decisioni più intime delle donne per regolare e criminalizzare. In questo caso, non possiamo limitarci a insistere sui 25 uomini che hanno votato per la legge, e la cantante Rihanna mette indignato la gogna su Twitter. Il movimento anti-aborto in Alabama è guidato dal membro repubblicano Terri Collins.

Le donne mostrano in rete quanto sia necessario il diritto alla libera scelta

In segno di protesta contro la legge, le donne hanno iniziato a pubblicare online le loro storie sull'aborto. Attrice e conduttrice televisiva Occupato Philipps aveva iniziato e chiamato #youknowme donne sull'hashtag di Twitter per condividere le proprie esperienze.

Filippo scrisse:Una donna su quattro ha avuto un aborto. Molte persone pensano di non conoscere nessuno che ne abbia uno, ma tu mi conosci (#youknowme). Quindi facciamo quanto segue: se sei uno dei quattro, condividiamolo e iniziamo a farlo vergognare. Condividi la tua verità sotto #youknowme."

Le confessioni pubbliche sotto l'hashtag raccontano cosa viene fatto alle donne con una legge simile: devono essere costrette a partorire e crescere bambini che sono stati concepiti violentemente in situazioni terribili o che hanno le malattie più gravi.

Ma alcune donne chiariscono anche che destini come questi non devono essere una condizione per porre fine a una gravidanza. Vogliono decidere da soli cosa succede ai loro corpi e alle loro vite - senza giustificarli o giustificarli.

Ecco alcuni estratti del tweet:

"Un cortile, avevo 19 anni, era il 1966. Non sono morto, ma avrei potuto morire."

"Il bambino era un desiderio disperato, ma aveva difetti cromosomici e di altro tipo, era la decisione più difficile della nostra vita, ma era quella giusta, penso al bambino ogni giorno."

"Dannatamente difficile pubblicarlo, il preservativo è stato rimosso senza il mio consenso, ero ubriaco e mi è stato chiesto troppo tardi, e la pillola del giorno dopo non ha funzionato, quindi è ora che non mi vergogni più."

"Avevo 16 anni e il preservativo si è rotto, non si è mai trattato di cosa avrei fatto, e non me ne sono mai pentito, e conosco almeno altre cinque donne che ne avevano anche una e che in seguito hanno avuto dei bambini quando erano pronte per questo. e le meravigliose madri lo sono. "

"Sento che devo dare ragioni strazianti per cui ho avuto due aborti e non volevo solo la responsabilità e le spese di avere un figlio da solo."

Leggi anche

Milla Jovovich parla dell'aborto di emergenza: "Ho ancora incubi"

"Mia figlia aveva un anno e sapevo che non potevo permettermi finanziariamente un altro bambino, è stata la decisione più difficile, più dolorosa e profondamente personale che abbia preso nella mia vita, il governo ha interferito in questioni così estremamente private 'è ridicolo.'

"Avevo 17 anni e non ero nemmeno pronto a crescere un bambino, quindi dopo anni di colpa ho finalmente fatto pace con me stesso e so che è stata la decisione giusta per me, ho un lavoro che amo, una vita fantastica e studio, nessun rimpianto, ogni donna merita di avere una scelta e l'accesso a un processo sicuro ".

"Avevo 15 anni e rimasi incinta al primo sesso, volevo andare al college, una vita, nessun rimpianto."

"Ne avevo uno a 20 anni. Volevo un bambino, ma il mio amico non ne voleva uno, ero troppo spaventato per farlo da solo, e non volevo portare un bambino nel mondo se un genitore non ne avesse preso il 100% Sono così grato che ho avuto la scelta di fare quello che ho fatto. "

"Ho abortito a 18 anni. Sono stato attaccato e violentato, e ho smesso di parlare con alcuni dei miei amici perché pensavano che avrei dovuto tenere il bambino, CHE NON ERA, quindi ero l'uomo che mi ha fatto questo visto, di fronte a mio figlio ?? no, sono contento di averlo fatto. "

"Ero molto giovane, diciannove anni, e sono stato attaccato a una festa.La cosa era chiara, ero veloce e non rimpiansi nulla. Più tardi mi sono sposato e ho avuto due ragazzi meravigliosi. Nessuno dovrebbe impegnarsi a pianificare la famiglia di una giovane donna; Ho pianificato il mio al momento giusto ".

"Avevo 20 anni e avevo una relazione con qualcuno che era violento, due giorni prima che venissi a sapere, sono stato licenziato, quattro giorni prima che la mia auto si rompesse, i miei genitori avevano divorziato e avevo $ 34. Non ero in in grado di portare un bambino in questo mondo ".

Speriamo che molte più donne parlino per lottare per i loro diritti di autodeterminazione. Nel 2017, l'attrice Alyssa Milano aveva già lanciato l'hashtag #MeToo, che è diventato un movimento mondiale contro gli abusi sessuali e ha rivoluzionato e modificato la legge.

SUGGERIMENTO VIDEO: Il politico locale di Mannheimer mostra l'aborto su Youtube - alla "deterrenza"

화녀 82(1982) / Hwa-nyuh of '82 (Hwanyeo '82) (Dicembre 2019).